[1] Va a laurÓ, barbun.
Considero Stella il pontefice massimo dell'aria fritta, uno che consacra una bella scrittura al culto supremo del nulla.