[1] La geometria negroide n-dimensionale nell'asphalto di oggi
bell'iniziativa, peccato che ora non si capisca più una sega.

Comunque.

Volevo sottoporvi questa mia riflessione: uno dei personaggi politici più odiati di questa legislatura è indubbiamente la presidenta della camera Boldrina. A me stava genericamente sulle palle quando un mio contatto su faccialibro ha scritto un appassionato post in difesa e mi è venuta voglia di guardare qualche suo filmato.

Il mio parere è che la signora abbia scelto di portare avanti delle battaglie sociali in un momento di crisi economica e il risultato le sia esploso in faccia ben più di quanto meritasse. Imho il suo insuccesso dipende da una serie di aspetti che vado qui a elencare:

1. ASPETTO. Non ce lo neghiamo, la boldrini sceglie colori nero torvi (occhi, capelli, giacche con maglie rosse a contrasto). Ha l'aspetto da sciura quarantenne invecchiata, e quel tono sempre stentoreo arrogante. La cosa incredibile è che se guardate i filmati, spesso le si spezza la voce, come a indicare una profonda timidezza per compensare la quale quando parla in pubblico risulta arrogante. Tenerella.

2. RUOLO: è la presidenta della camera. In pratica è quella che batte i tempi degli intervalli e controlla che il dibattito non vada off-topic. Questo la fa ovviamente odiare dai 5* (è pieno di filmati in cui interrompe i loro deliri o li fa allontanare dall'aula) ma la pone anche nel ruolo della maestrina stronza, che fa scopa con la sua immagine al punto 1
PS: questo rulo la rende anche la rappresentante delle istituzioni nell'epoca dell'apriremo il parlamento come una scatoletta di tonno. in pratica lei è il coperchio e il parlamento è ancora chiuso.

3. LE VIOLENZE ALLA LINGUA ITALIANA. La Boldra è una post femminista. Vorrebbe parità di ruoli tra uomini e donne, purtroppo lo esprime nel modo peggiore. Se il ruolo sociale influenza la lingua (Dio è maschio, il medico pure, mentre l'infermiera è femmina) allora vale il pensiero magico che influenzando la lingua influenziamo la società. Questo già è un ribaltamento forte difficile da sostenere, ma in una lingua fortemente dipendente dai generi come l'italiano crea delle porcherie inaudite (Dia? medica? infermiero? ma anche, il maschio del pilota è il piloto? quello dell'assessora l'assessoro?)
Fin dalle elementari ci insegnano che l'italiano ha delle regole, magari assurde ma che vanno rispettate, che qual è non vuole l'accento ma po' sì e dobbiamo rispettarle. Questo discorso stride con la nostra educazione di base e al dilà delle intenzioni sembra parecchio frivolo, anche se in realtà è meno marcato di quanto le si attribuisce.
boldrini vs. lingua italiana
Mi spiace, fail annunciato.

4. L'antifasciamo: la Boldrini è antifascista in modo aristocratico, partigiano, da salotto della sinistra degli anni '50. In un periodo in cui i fascisti spuntano come funghi. Ci vorrebbe un'autorità personale forte, da Pertini o per lo meno da Mattarella per essere antifascisti, ma purtroppo dopo i punti 1. e 2. non è né l'uno né l'altro

5. le risorse boldriniane. E' per un trattamento civile per i negri, e già per questo mezza italia la vorrebbe al rogo. Ho già detto che gli italiani stanno tornando profondamente fascisti? beh sta succedendo

6. la difesa "però ha un curriculum che tu te lo sogni". Nell'epoca del disoccupato che si sente escluso e che si identifica in dima la rende una privilegiata / raccomandata. quindi è un argomento fail che le si ritorce contro.

In definitiva, se volete avere successo di pubblico, siate piacenti, siate dei signori nessuno, violentate la lingua italiana ma non siate femministi, siate fascisti, razzisti e professionalmente dei signori nessuno.
{segue foto di dibba, dima, s4lvini}
giuro che il mio unico scopo nel resto dei miei anni diventera' scoprire dove abiti e piantarti un cacciavite in un occhio ('u Prufissuri)

Chi urla di piu' la vacca e' la sua

Colpa mia che mi ostino ancora a dire cose intelligenti su Internet