E come ci sono finiti?
A far partire le indagini sono stati i genitori della giovane che hanno consegnato agli investigatori un file audio diffuso in internet in cui avevano riconosciuto la voce della figlia che pubblicizzava il prezzo delle prestazioni.