news :: O, maggio.

Dall'immagine non  evidente, ma anche la consistenza sembra studiata apposta.Oggi pomeriggio, ho scoperto la nuova tecnica pubblicitaria di TelecomItalia: regalano dildo anali (o buttplug, per i più esperti) con una pubblicità all'interno. Come si evince dalla foto, il teledildo è anche trasparente, permettendo così avvincenti riprese dell'interno dell'intestino retto. Un po' meno chiaro è il fatto che, in caso di necessità, può anche essere utilizzato come pratica penna da taschino - con la differenza che non rovina la linea del vestito e che, tranne in ambienti molto sofisticati, per estrarla è meglio andare in bagno. E probabilmente lavarla, prima di offrirla al gentile cliente che sta per firmare il contratto.

Brava Telecom, finalmente un dono utile.



Apdéit:

Il buon MaRCuZ mi ha segnalato un sito molto interessante - se non altro perché si sono copiati belli belli un vecchio delirio, senza citare la fonte. Immagino che sia un segno di vera popolarità. Però non sono ancora soddisfatto: lo sarò quando anche Gianlu (come, confidenzialmente, chiamo Gianluca Costamagna) sfrutterà materiale dell'asphalto senza dare il giusto riconoscimento.

news :: Flash... ah-ah!

Una settimana così fiacca non si vedeva da tempo. Un'afa metereologica e intellettuale quasi insopportabile. Non ne posso veramente più: per interromperla sarei disposto quasi a qualunque cosa, che so, vedere Berlusconi a Palazzo Chigi per 5 anni, per esempio.



Comunque, vediamo se mettendo assieme tante piccole veline riusciamo a costruirlo questo stanco post di metà/fine settima...



Maedetti comunisti, no i voto manco

[trad. dal vicentino: maledetti comunisti, non li voto più]

Cosa s'inventano pur di farti pagare le tasse: anche un'applicazioncina Java-based per fare la dichiarazione dei redditi. Bravi: è così divertente che quasi quasi di Unico ne presento due. E pago doppio (tanto cosa sono per me duemilioniemezzo x due???). Tanto dall'anno prossimo ci pensa Silvio. Bella.



Modelle e calciatori

News vecchia ma inutilizzata. Grave, gravissimo. A proposito di modelle e calciatori (e relative intelligenze), Costacurta e la Colombari si sono lasciati. Lei veniva da una grande storia d'amore, molto cerebrale, con Alberto Tomba. Di lui non si può dire niente, ma solo riproporgli la domanda del sergente di Full Metal Jacket: "e tu che scusa hai?".



Piloti di terra e di aria

Ho trascorso la mattinata in un briefing tecnico col mio pilota (di terra), nel suo pied-a-terre in San Babila. Persona squisita, davvero. Tanto che meriterebbe un delirio a lui dedicato. Ci sto lavorando; anzi, ci starò lavorando. Adesso sono troppo impegnato a prendere la patente di pilota (d'aria) a Flight Simulator 2000. Gran pregio.



Le buone letture

Ho finalmente ricevuto "Il libro cuore (forse)" e "Trippa", due volumi da antologia di Federico Maria Sardelli, leggenda del Vernacoliere. Il primo è una rivisitazione di De Amicis in chiave, come dire, macchiavelliana; il secondo è una raccolta dei migliori fumetti pubblicati sul mensile labronico, dall'ineffabile serie "Merda" ai metafisici tarocchi del Mago Afono. Numerosi post a seguire.



Mamma snaturata?

"Sono felicissima - dichiara la tapina Marcuzzi - della mia vita con Simone, amo il mio bambino e non lo porterò con me in giro per le piazze d'Italia perché è troppo piccolo". Eh già, cià nemmeno un mese. Ma non è che dovresti stare tu con lui a casa per allattarlo? Ah, è vero: poi ti si sgonfiano le puppore. Echecazzo Tommaso, non vorrai mica privarci delle tette di tua madre, no?



Per ora è tutto. Orvuà.

news :: C 6

Son giornate pesanti queste qui. Sto come d’autunno sugli alberi le foglie, ed essendo quasi estate non ho di che lamentarmi. Sempre che il mio albero non sia un bonsai abbandonato in un giardino infestato di cani stronzi, non so, tipo gli yorkshire, ma con una vescica capace come quella di un molosso. Capace di che cosa, non dovrei spiegarvelo. Insomma com’è come non è - va che ci sono decisioni da prendere. Niente di clamoroso, ci mancherebbe altro, niente per cui valga la pena dare fuori da matto – come ripetevo ieri sera saltellando nudo nel parco, prima di sporgermi nell’acqua della fontana e cominciare una nenia dolcissima masturbandomi con gusto di fronte alla livrea rossa delle carpe cinesi. (se devo dirla tutta mi masturbavo con le carpe cinesi, almeno questo è quello che mi hanno riferito in questura durante l’interrogatorio in cui tra l’altro devono avermi chiesto come ho fatto a entrare tutto da solo e tutto nudo nella villa dei Moratti e poi, come al solito, mi hanno concato di botte). Inoltre, non mi ha certo giovato l’aver trascorso la notte in regime di trattamento sanitario obbligatorio in compagnia di uno che si crucciava di aver ucciso entrambi i genitori a colpi di pietra e cionostante di non essere riuscito a finire sui giornali perché sono entrambi resuscitati - li ha visti lui coi suoi occhi! (in realtà il tizio è stato assolto perché sprovvisto di patente e perché non è stato trovato nessun cavalcavia sulla scena del presunto crimine).

Ma nonostante tutto sono riuscito ad addormentarmi in un prato pieno zeppo di fiori gialli e a ritrovare la strada. Non pensate sia stato facile: i fiori gialli sembrano tutti uguali ma non è vero. Ridiforte.



“Rifarei tutto, compreso il rutto.” (Confucio).

news :: Satori.

Ecco un esempio di pirata spaziale *gay*.Ieri sera ho letto un po' TimeOut, una rivista dedicata al divertimento eccetera a Milano e al fornire improbabili traduzioni inglesi dei testi italiani (una per tutte - il gesto delle corna veniva tradotto con "horns", cosa che a mio avviso è assai improbabile). Tra i vari articoli ce n'era uno sul festival del cinema gay-lesbo che credo sia appena iniziato a Milano - e mi sono detto "ehi, cazzo, qui c'è da scrivere eccome!"

La mia idea, fondamentalmente, si può riassumere con «checcazzo vuol dire "cinema gay"?» - nel senso che, tranne casi particolari che però di solito vendono venduti in videocassetta, credo che la definizione di film gay sia "un film che ha come protagonisti dei gay che fanno cose da gay senza però buttarselo al culo o, perlomeno, senza primi piani degli sfinteri dilaniati".

Ovviamente, trovo l'idea di un festival del genere estremamente idiota - cazzo vuol dire? Se faccio un film su un pirata spaziale che difende la Terra dai ninja-robot di Cernunnos IV, e poi si limona il suo mozzo, è un film gay?

Insomma, mi sembrava tutto perfettamente ragionevole - non ha senso fare un festival su un elemento fondamentalmente collaterale del film. Né tantomeno ha senso dire "okay, allora mettiamo solo film con tematiche gay" - sarebbe come vedere sempre lo stesso film, noh?

No.

Purtroppo per la mia inventiva, mi sono reso conto che tutte le mie proteste in materia possono essere applicate ai vari Mystfest, Festival del cinema fantastico eccetera, sostituendo "fantascienza", "thriller" e "horror" al termine "gay". E in effetti, un sacco di gente è convinta che un film con pirati spaziali e ninja-robot qualifichi come film di fantascienza. E quindi, se i pirati se lo buttano al culo, probabilmente qualifica come film gay. Fantagay, anzi.

Insomma, c'ho le palle girate. Ero convinto di avere materiale per un succoso aggiornamento, e invece mi si è sfaldato tra le mani come un panetto di cocaina impregnato di acido solforico. Uffa.

news :: Boh, cazzo devo dire?

Il ragazzino psicopatico del bar di fronte al mio ufficio è stato licenziato. Apparentemente, non hanno voluto seguire il mio consiglio, che era quello di utilizzare il giovinastro come corriere di droga per qualche giorno e poi scioglierlo nell'acido.

Comunque, ho apprezzato molto la decisione dei proprietari del bar di cacciare quel logorroico rappresentante della gioventù exstatica - abbastanza da fare loro le mie più vive felicitazioni, sotto forma di ordinazione di un caffè macchiato.

Naturalmente, credo che quello che è successo sia dovuto soprattutto al fatto che ho scritto qui cosa pensavo del ribaldo - quindi, provo a vedere se funziona anche per altre cose.



Sulla RU-486 la nuova maggioranza ha perso un'occaasione d'oro per andarsene a fare in culo e tacere.

Il giorno in cui si renderanno conto che i veri cattolici in Italia sono una minoranza da un bel po', sarà un giorno di gran festa.

news :: Drop that ghetto blaster.

dov'eri? E' un'ora che ti aspettoSe da una parte l'estate non e' intesta alla classifica delle mie stagioni preferite, non le si puo negare l'apporto di alcuni aspetti positivi. E qui glisso sugli inflazionati abitini piu corti all'uscita delle scuole, dove il vecchio pgcd e' stato visto gettare fiotti di bava luccicante, o roba simile. Il fatto che i baretti tirino fuori i tavolini all'aperto e' ad esempio una buona cosa. Ieri ad esempio ho ringraziato che fosse estate (ho ringraziato per cinque minuti buoni, dopo tre ore di bestemmioni in tangenziale, appena salito in macchina, posteggiata al sole e vestito da pinguino), essendomi presentato in ufficio di buon mattino,le quattordici per inciso, ed essendo immediatamente andato a pranzo con un manipolo di giovanissimi colleghi. I tavolini fuori ben dispongono al cazzeggio ed alle relazioni pubbliche. Ho anche ufficialmente aperto la stagione del caffe' freddo anziche' caldo. A questo proposito volevo far notare la diversa scuola dei caffe freddi al settentrione ed al meridione. Mentre al nord il caffe viene fatto in tazzina, quindi shakerato con ghiaccio, ottenendo un ottimo risultato, al sud ogni bar tiene in freddo una bottiglia di caffe' gia fatto (la tiene nel banco frigorifero, accanto alle granite. Sulle Granite, qualunque cosa vi abbiano detto, se siete piu a nord di Reggio Calabria, vi hanno detto una cazzata e non ne avete mai mangiata una). Il caffe' gia fatto ha ovviamente un vantaggio rispetto a quello shakerato. E' piu forte. E vi fa godere di conseguenza. Altro eccezionale plas della stagione estiva e' il dichiarare aperta la stagione del 'senza calze', che fa sparire il tedio mattutino della ricerca di calze uguali, salvo poi rendersi conto, possibilmente di fronte ad un cliente importantissimo di avere le calze scompagnate. Tipicamente una blu, scuro, filo di scozia ed una corta, bianca, di spugna (si, il modello maicolgiecson, esatto). A meno di non avere tatuaggi ricoprenti la caviglia o dermatiti multicolore il problema calze e' miracolosamente risolto dalla stagione estiva. Cio non toglie atenzione che durante l'estate si suda, fa un caldo boia, la gente diventa rincretinita e via dicendo. Ah, buongiorno. E sappiate che no, non ho ancora inaugurato la stagione delle non-calze. Fatelo voi, ma ricordate per nessun motivo di farlo con le superga.

news :: Alfi, Abietti e altre strane creature

Mi è stato chiesto se mi sento responsabile dello scioglimento del movimento del sole che ride e della fine della carriera politica di Alfonso Pecoraro Scanio. Nego con la disperazione di chi non verrà creduto. Alfi, non dargli retta, non siamo stati noi a volerti male. Fosse per me ti farei papa. Anzi, ti farei sparare al papa.



Labietto tutto attaccato compie un anno e stando alle foto lo porta malissimo. Invece sarebbe una brava persona se fosse una persona e un ottima madre se fosse una puerpera. Siccome ci voglio bene benchè mi vanto con gli amici di non averglielo mai esternato e siccome quando verrò licenziato da pgcd mi piacerebbe mi accogliesse tra le braccia grondanti energia del suo sito, la casa del carisma - mi sono sentito in dovere di dedicargli questo breve epigramma:



è passato un anno dal primo gemito

genesi dell’energia dell’abbietto

tempo fuggitivo tremito

l’energia che non fermi:

se non esce dalla bocca

passa tutta per il retto.



Non sarà una risata a seppellirci

Mio caro compagno eenne.



Auguri. Felicitazioni e quel tanto di scat che migliora l’uomo. E anche la donna che è in ciascuno di noi.

news :: Reclami al direttore.

Da:Prospero

Oggetto: Reclamo

Egregio, rettore del sito asphalto.org.

Mi vedo con mio estremo rammarico costretto a comunicarle, che l'annunzio di possibile acquisto di un pupazzo multifunzionale interattivo multimediale e multietnico denominato Abietto, si rivela all'atto pratico dello stesso una frode.

Avendomi arrecato disagio e costernazione, riceverà notizie dai miei avvocati, che sono deputati a rappresentarmi in sede fisica, fisiologica, sociale e giuridica.

La esorto a non interpretare la mia come una esercitazione di scherzo.

Distinti saluti.
La prego, signor Prospero, non faccia così! Ne va della mia vita! LA PREGOOOOOOOOOOOOOOOO!

news :: Ancora buon compleanno.

E stavolta tocca al mio figlio adottivo Abietto, che probabilmente sarà già ubriaco e non si renderà neanche conto di essere ricoperto di marmellata e biscotti allo zenzero e - quello che è peggio - non si ricorderà neanche come sia successo.



Purtroppo, in questo momento di massima letizia, devo rivelare un segreto: per ottenere qualche soldo da questo lercioso sito, ho deciso di venderlo alle Industrie della Pavimentazione Onorevole, una multinazionale giapponese che produce dei piccoli Abietti tascabili. Vi invito tutti a comprarne qualcuno, perché le IPO hanno assicurato che hanno intenzione di vedere delle vendite provenire da qui entro un giorno, altrimenti si vedranno costretti a risolvere onorevolmente il contratto.

Vi prego, salvatemi la vita.

news :: Regalo di compleanno.

Signori, un nuovo delirio di AgnusDei vi aspetta. Leggetelo con entusiasmo, perché è il suo regalo di (suo) compleanno a tutti voi, e si merita l'attenzione che saprete dargli.



E ora, visto che tutto questo buonismo che ho appena sfoggiato mi nausea, vado a comprarmi al Megastore il video di GG Allin.

news :: Decisamente profano.

Le buone letture del sig. BernardiniChe roba! Uno cerca un'innocente caricatura del nostro venerabile futuro Presidente del Consiglio, e guarda che spazzatura ti trova! A certa gente manca veramente il senso della misura.



Dichiaro quindi la mia profonda riconoscenza, anzi, sincero astio, al prode Mark Bernardini per averci offerto imago di siffata tenerezza. Titolo: le sacre scritture (di merda).

Nell'ardito scatto cogliamo in un'espressione di sconfinata commozione il sympatico Brunetti Loris, anni 37, segno del criceto, infanzia divisa tra il nocchinariato duro presso l'asilo "Budello delle vostre mamme" e la sodomia di micini del quartiere "Molotov" mediante raudi pinolo (accesi).

Il tapino è quivi colto mentre cede a lacrime commosse dopo l'ennesima lettura del suo salmo preferito: "come trombo Veronica".

Si noti la sua espressione di irrefrenabile e sincera empatya, il piacevole Uni-Posca modello anni '70 parcheggiato nella tasca della sublime camicia-jeans (TM) e soprattutto il tupé di peli di topa, dono della sua affezionata nonna Ibisco.

Una scena che ci tocca tutti profondamente - lui s'era già toccato prima - e che nulla lascia intendere dell'esplosione di gas intestinali & merda a spruzzo che seguirà lo scatto di lì a tre millisecondini (5).

news :: Anisocorico (poi spiego)

C’è modo e modo di postare il resoconto degli ultimi tre giorni. Questo può anche darsi sia il peggiore:



km autostrada: 700

km extraurbani: 300

di cui in vespa: 20

di cui in salita: 8

di cui a motore acceso: 6

vomito del cane nel baule (um: grammi): 160

vomito del cane nel baule (um: pezzi): 4 (40g cada)

ore di sonno accumulate in tre giorni: 9

pozioni magiche ordinate: 7

di cui consumate: 5

di cui pagate: 4

totale attivo: 1

deliri scritti: 3

di cui pentito: 1

decisioni prese: 1

poesie dedicate: 1

di cui riciclate: 0

escursioni alla buca: 1

churcill romeo y giulieta: 1

attacchi di panico: 1

occasioni perse: 2

dosi di carnetina b-12: 1 pari a 5 g

camerieri robot incontrati: 1

uscita notturna con scarpa da donna di pelle rossa pitonata e tacco a spillo da dieci cm: 1

di cui commento: entusiasta. godidonna!



Conclusioni: se fossi stato strutturato per questi fine settimana, non sarei ridotto adesso come un incrocio tra un lemure e un tornitore di Lumezzane al rientro da una serata danzante. Ho cominciato a preoccuparmi quando mi sono reso conto di riuscire a restare per quasi quaranta minuti consecutivi senza chiudere le palpebre. Naturalmente nel momento stesso in cui ho realizzato la comparsa dei miei superpoteri ho deciso di farli fruttare. Da questa mattina presto di fronte a me si è formato un capannello spontaneo di curiosi che va compattandosi di ora in ora. L’incredulità degli astanti con il passare dei minuti diventa partecipata emozione e inconsueta fonte di divertimento. Per sera arriverà da Palazzo dei Cigni una troupe di Verissimo ed a quel punto entro pochi giorni diverrò famoso non per le dimensioni del mio pene come pensavo fino a ieri, quand’ancora ero giovane - ma per quelle delle mie occhiaie e per le altrettanto pregevoli pupille anisocoriche.



Però che gran cosa la vità è, vociavano altri che piace sempre ricordare.

news :: Revisionismo storico.

I robot possono anche avere la bernarda, i baristi cocainomani no.Lo ammetto: ho sbagliato.

Per mesi ho accusato i camerieri robot di ogni possibile infamia (tranne le proteste anti-globalizzazione), ma ora devo ammettere che mi sbagliavo.

Il bar sotto il mio ufficio era sotto controllo robotico, e io me ne lamentavo. Eppure, i robot avevano imparato cosa prendo al mattino nel giro di due giorni, e prima di rivolgermi la parola per dire qualcosa che non fosse "quattromiladuecento"­; ci hanno messo tre mesi (e hanno detto "quattromiladuecento, buongiorno").

Ora, i robot sono stati ricacciati indietro, e gli umani sono arrivati al loro posto. E il mio cappuccino di stamattina è stato accompagnato dall'incessante blaterare del barista, un ragazzino che probabilmente fa questo lavoro per integrare i magri proventi dello smercio di extasy. In compenso, non saprebbe preparare un cappuccino neanche con una pistola puntata alla tempia. Lo dico perché ci ho provato.

Ridatemi i robot, vi prego.

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai