blog deliri :: Art Has Gone

Quando chiesi ad Arthur se non gli pesava non avere la musica in macchina mi rispose, col consueto corredo di fuck e motherfucker, che non gli serviva nessun fottuto lettore cd, con tutta la fottuta musica che aveva nella sua fottuta testa.
Gli anglosassoni non hanno molta varietà nel turpiloquio, mi era parso di capire quella volta.

presto! csr :: Der Wille zur Macht 'nu Konzertu!

Quando ormai tutti pensavano che i csr fossero morti e sepolti, ecco che la realtà è svelata: siamo effettivamente morti e sepolti. Tuttavia, come nelle migliori teofanie, questo serve solo a rigenerarci e renderci più forti, più giovani, più proattivi e anche più…

blog deliri :: non mangiare con la bocca piena

mi succede spesso quando ho una giornata pesante, mi addormento prima di cena e poi mi sveglio.
mi succede che il mio cervello non capisce, perché sta a metà strada tra l'iperattività logica del giorno e l'iperattività illogica della notte e dei sogni.
resta lì, inchiodato a metà, senza capire da che parte andare ma con una gran voglia di muoversi.

blog deliri :: 3..........2............1.....­........OFF

stampalo, asphaltita, perchè è una cosa lunghetta, senza correzzioni, e prenderà tempo nella lettura... dai, su, fai il bravo, stampa e leggi dopo.

Sono nato il 4 di Gennaio del 1972. Un maschietto di ben 4,500 kg per la notevole misura di 53 centimetri. subito ho dimostrato la mia indole: mi riferiscono che quando il ginecologo mi ha schiaffeggiato una chiappa per indurmi il pianto e farmi dunque respirare, io sono stato zitto a fissarlo - probabilmente dandogli del coglione.

scienza news :: Il mistero delle automobili Browniane

Spesso il mio temperamento mi ha spinto a chiedermi inutilmente i motivi di alcuni comportamenti umani particolrmente diffusi e particolarmente inesplicabili.

Le scarpe con le zeppe che spezzano le caviglie, i pantaloni a zampa di elefante che accolgono la sporcizia dal suolo senza comunque riuscire a regalarci una città più pulita, l'esigenza di cambiare continuamente la suoneria del telefono passando dalla macarena alla canzone del capitano, i giornali per soli uomini che invece di mostrare foto di pelo femminile si incaponiscono nel volerci far perdere 5 kg in due settimane e a regalarci addominali ipertrofici in due sedute di spanking acrobatico.

L'enigma di cui voglio parlarvi oggi è particolarmente stimolante e oscuro: si tratta infatti di quella che io ho amorevolmente definito "Guida Browniana".

La guida Browniana è lo stile adottato da molti automobilisti in caso di traffico intenso e prende il nome dal botanico scozzese Roberto Brown il quale, osservando al microscopio alcuni granelli di polvere in sospensione acquosa, si era accorto dell'incessante e apparentemente inesplicabile moto di queste particelle che paiono essere possedute da una irrefrenabile smania di movimento e che purtuttavia non si recano in nessun luogo.

Similmente a queste particelle irrequiete, il guidatore browniano non si cura del fatto di riuscire ad arrivare nel minor tempo possibile alla destinazione che si è prefisso ma è piuttosto interessato alla possibilità di restare perennemente in movimento, quale che sia l'utilità dello spostamento del suo autoveicolo.


Salta incessantemente da una corsia all'altra, sorpassa sulla destra abbattendo dei pedoni sulle striscie, finge di entrare dal benzinaio per bypassare la coda e uscire pochi metri più in là, saltando almeno due macchine e provocando un torrente di borg-o-dew da parte del benzinaro irato, si infila sinuoso nella corsia della svolta a destra per poi saltare repentinamente a destra e curvare a ruote fumanti, fa la gimkana tra i dossi artificiali.

Alcuni passanti dichiarano di aver visto alcuni piloti browniani che, ingabbiati dal traffico, sono arrivati a scendere dalla macchina ed inizare a correre in cerchio attorno al loro veicolo, saltando di tanto in tanto sui cofani delle macchine che li attorniavano. Sono stati effettuati alcuni studi approfonditi sui tempi di percorrenza dei guidatori Browniani ed è stato dimostrato al di là di ogni ragionevole dubbio che queste tecniche di movimento aleatorio non contribuiscono minimamente a diminuire i tempi di percorrenza (come falsamente sostenuto da alcuni acerrimi nemici della teoria Browniana) ma che aumentano vertiginosamente il consumo di benzina e di pneumatici della vettura Browniana ed incrementano vigorosamente il movimento rotatorio dei testicoli degli altri guidatori.
Il motivo per cui alcuni guidatori sentono l'esigenza quasi fisiologica di lanciarsi qui e là per le grigie distese di asphalto senza rispetto alcuno per le leggi dello stato e talvolta anche per quelle della fisica è al momento ignoto, ma alcuni ricercatori della Robecchetto Institute of Technology stanno lavorando alacremente per chiarire anche questo oscuro angolo del comportamento umano.

politica immagini :: qualcuno li ha votati

In una pagina del ministero dell'interno (http://cedweb.mininterno.it:88­90/main/simboli/index.htm) ho trovato il compendio di questi simboli elettorali.


brr, il sacro romano impero cattolico. ma anche brr 'sta signora glaciale.


basta! (ma basta poi cosa?)


cazzo c'ha da ridere sebi? no ma poi sebi eh, cristosanto.

flame bla-bla :: Mi vergogno.

Mi vergogno di vivere in italia, l'unico paese al mondo in cui si approva con procedimento d'urgenza un decreto per mandare in galera i filesharer. Mi vergogno ancora di più del fatto che Urbani ha detto che, ora che è legge, si impegnerà a cambiare la parte sul P2P - mi vergogno perché ero convinto che, una volta che una legge è tale, per cambiarla ci vuole tempo.

scienza deliri :: [1] Le Mirabolanti Avventure di Hector Poor Q. Dew

Dei "changeling" ne avevamo già parlato sul thread di Peter Pan alcune settimane fa.
Lord scrive:
oddio, per scoprire chi ha copiato da chi bisognerebbe attivare quel saccente di akkots.
Guarda, i "changeling" non c'entrano nulla con gli incubi e le succubi, che fanno parte della tradizione latina (l'incubo era un demonietto che custodiva un tesoro sotto di esso, dal latino incubo, che vuol dire stare sopra come custodire, mentre la succube era la concubina, da succubo, giacere sotto).

blog deliri :: da qualche parte mi piace pensare che

torpore da treno.
torna in mente qualcosa, guardando un uomo lontano ,su un trattore tra i filari.
mio padre.
le afose giornate di quando scendeva dal suo trattore , completamente sudato e coperto di polvere la sua pelle scurita dal sole, portava sempre un cappello con la visiera lunga davanti.

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai