tech news :: Leeeeeeeroy!

Niente. Volevo menzionarlo per avere la possibilità di mandare a fare in culo chiunque altro dovesse farlo in futuro.
Se non sapete di cosa sto parlando, count your blessings. Se lo sapete, tacete.
Sono il fottuto dittatore di questo posto. Quello che penso è verità, quello che dico è legge, quello che faccio è giustizia.
Per eventuali perplessità, dubbi, critiche, consigli e quant'altro, puoi andare a fare in culo e crepare su un altro sito.

meta news :: Niente di nuovo sul fronte occipitale

Prima, la buona notizia: i soldati tedeschi potranno portare il mullet.

E adesso quella cattiva: a me non hanno mai dato fastidio le battute razziste. Mai, davvero - tanto che non disdegno di farne una anche io ogni tanto. Sto notando, invece, che voialtri mi state diventando sinceramente, freneticamente razzisti nei confronti di rumeni, zingari, albanesi, esteuropei e nordafricani in generale. E non lo state facendo in modo divertente, ma in modo becero, da amici di Borghezio e Emilio Fede.
Se fossi in grado di spiegarvi quanto la cosa mi intristisce e mi fa incazzare (alternativamente), ve lo spiegherei. Purtroppo, proprio non ci riesco - quindi mi riservo il diritto di togliere due o tre punti di rating, a seconda dell'uumore e della gravità del misfatto, a tutti i post da leghista che non mi facciano almeno ridere.
Prima di lamentarvi, vi invito a ripensare al disclaimer. E poi, ad andare a fare in culo: se proprio mi tocca leggere la merda tipo "tutti i rumeni non fanno altro che violentare le donne", almeno voglio che sia scritto bene e in modo divertente, sennò non lo tollero.
Sono il fottuto dittatore di questo posto. Quello che penso è verità, quello che dico è legge, quello che faccio è giustizia.
Per eventuali perplessità, dubbi, critiche, consigli e quant'altro, puoi andare a fare in culo e crepare su un altro sito.

richiesta bla-bla :: più palpate di tette per tutte

per ragioni di famiglia, ogni anno in questo periodo, mi viene offerta
una cena in un posto fichissimo e poi, tra il dolce e il caffè, mi
viene detto
"posso farti una domanda a bruciapelo?" le domande variano da anno in
anno ma riguardano sempre un aiuto alla LILT (lega italiana per la
lotta contro i tumori) e, in particolare, avendo per sfiga una vagina,
riguardano il mese della prevenzione, ad ottobre.

tette bla-bla :: Le tette di Mia Mamma

Alcuni giorni fa uno dei figli di una nota asphaltita, segnatamente quello con la faccia da criminale inguainato qui sotto in divisa da marsupiale, ha espresso un giudizio molto carino nei confronti di mia madre. Mia madre, capite. L’ha guardata negli occhi e, con la vocina tenera tenera da bambino di sette anni le ha dichiarato: “stavo guardando le tue tette.

blog deliri :: Proctologia intellettuale. Milano Italia. Rai, Berlusconi, Costanzo, precari, figli di papà e orgonworking

Già l’orgoglio operaio ha subito una metamorfosi sessuale: si sa bene in cosa hanno trasformato la festa del lavoro, il May pride. È bastato sostituire una lettera. Dopo la classe operaia e il proletariato, il precariato si dissolverà come categoria e sarà presto dimenticato, o tutt’al più medicalizzato con pensioni d’invalidità odontoiatrica. Da dove ci muoviamo? Da lande desolate: lande mediolanizzate. Ci deportiamo spendolando su impuntualissimi regionali diretti a campi urbani di concentramento lavorativo. Diretti al cuore di Milano, scivoliamo tra risaie e passiamo per Cazzago, Melegnano, Limbiate, oppure Abbiategrasso infero, dove prendon forma orde di sciancati giovinastri, appestati di teschi e simboli mortiferi, spompati passatempisti d’artistiche indiscipline. Tema: cervelli spappolati e crani aperti. La xenofilia si sublima in culti extraterrestri, e rappresentazioni di teschi umani reificano istinti di fuga, fugando istinti di figa: sempre verso un’aurea mediolanitas. Ma è quando un mobbisegretariato smagrito in corpetti steccosi e faccine macilente la cui flaccida pellagra incatramata s’intervalla di rughe che dal rosso carminio sfumano all’ocra coprino, e quando lo smog odora di quintessenziale ecuaterroneria dismigratoria, e un pansfigatismo dilagante passa per i polmoni che possiamo dirci in hinterland milanendum.

blog news :: Vita coniugale dei batteri eucarioti

Sono appena andato in farmacia a comprare le cicche alla nicotina.
No, non conto di riuscire a smettere di fumare, tuttavia vorrei almeno ridurre il consumo a livelli accettabili, giusto per portare la mia capacità polmonare a livelli ragionevoli, tipo un coniglio morto o giù di lì. Dopo aver fatto ricorso ripetutamente alla mia forza di volontà, ho ammesso che, mentre resistere al desiderio di una sigaretta non è così difficile, farlo per più di trenta secondi mi è del tutto impossibile, da cui il ricorso alla farmacopea moderna.
La cosa non sarebbe degna di nota se non avessi scoperto la ragione per cui non riesco e non riuscirò a smettere di fumare: mi vergognerei come un ladro a essere un non fumatore.
Sono entrato in farmacia e mi sono messo in coda, sorridente e tranquillo, dietro un paio di signore impegnate a giocare all'equivalente degli scacchi umani con i farmacisti. Quando la partita si avvicinava al termine (con un farmacista in A-8 e l'altro nella corsia degli antibiotici) ho iniziato a sudare. Pochino, all'inizio.
Hanno pagato, e la farmacista mi ha gentilmente chiesto cosa volessi. Balbettando, ho spiegato che stavo cercando di smettere di fumare - o, meglio, ho cercato di spiegarlo, incespicando nelle parole tipo Fonzie che deve dire che si è sbagliato.
Alcuni tentativi dopo, mentre irradiavo sempre più copiosamente nell'infrarosso, sono riuscito a dire che volevo ridurre. La signorina si è fatta comprensiva, e ha iniziato a spiegarmi il perché e il percome delle cicche e dei cerottoni, e io mi sentivo come se, a quindici anni, l'edicolante si fosse messo a spiegarmi ad alta voce i pregi relativi delle varie riviste porno che avevo abilmente celato tra fumetti, corriere della sera, le scienze e newsweek.
Non so cosa sia successo dopo perché ho di fatto perso conoscenza, ma mi sono ritrovato fuori dalla farmacia con il fiatone, uno scontrino per trenta euro e una confezione condominiale di cicche alla nicotina.
Appena arrivato a casa le ho immediatamente nascoste dietro l'armadietto del cesso. Non vedo l'ora di provarne una, stasera quando sono tutti a dormire.
Sono il fottuto dittatore di questo posto. Quello che penso è verità, quello che dico è legge, quello che faccio è giustizia.
Per eventuali perplessità, dubbi, critiche, consigli e quant'altro, puoi andare a fare in culo e crepare su un altro sito.

blog deliri :: troppo tardi

soffri. vorresti essere altrove ma non lì. non ora. vorresti esser a casa tua, sul cesso. vorresti il teletrasporto. vorresti un cataclisma. qui. ora. ma non avverrà nessuna di queste cose. solo il caldo torrido e le gocce di sudore freddo che ti imperlano la fronte. sei imbarazzato. credi di avere addosso gli occhi di tutta la classe, di tutta la scuola.

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai