bla-bla :: [1] il latino apre la mente - ma non quanto apre il culo!

[brullo nulla::post] [psycho::post]la persona colta non e' chi si ricorda a menadito qualcosa, ma chi sa dove ritrovarla quando ne ha bisogno.



ma allora oggi con google siamo tutti dei sapientoni!


ti ringrazio per avermi portato un altro esempio di cio' che dice Eco e su cui concordo:
la persona colta sa dove ritrovare l'informazione di cui ha bisogno, aka sa quali parole chiave inserire in google.
e l'utilita' di internet e dei motori di ricerca e' che adesso e' estremamente piu' facile reperire le informazioni anche a partire da una base mnemonica molto scarsa. quello che google ha fatto per la cultura e' -non scherzo- molto piu' di quanto le migliori riforme ministeriali del mondo possano mai sognarsi.

[maranza::post]si, però 8 x 10 te lo ricordavi comunque a memoria.
e probabilmente anche per 80 - 8 utilizzavi un trucco mnemonico (fosse anche ricordarti che 10 - 8 = 2 e che 8 - 1 = 7...non credo che stessi lì a fare in conto alle rovescia sulla punta delle dita).


be', ragionare serve proprio a ridurre il numero di cose da memorizzare: una volta memorizzate le tabelline del 2 e del 10, tutto il resto veniva molto facile.

[maranza::post]sapere dove andare a trovare le informazioni è ottima cosa, ma se non ti ricordi neanche della loro esistenza allora sapere dove trovarle serve anche a poco.


esatto, e ti ringrazio per avere implicitamente suggerito come mai ho straragionissima: perche' se il tempo destinato a fare imparare N poesie a memoria viene usato per limitarsi a leggere, senza memorizzare, N*10 (o anche molte di piu') poesie, di molte di esse rimarra' memoria almeno del titolo, o almeno di cosa parlano, e sara' quindi facile, per tutta la vita, ritrovarle quando le si vuole rileggere o citare.
se invece te ne fanno imparare a memoria N e non resta tempo per nessun'altra, sarai consapevole dell'esistenza solo di quelle N.

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai