blog deliri :: Il cuore sul tavolo

Alla fine dell'ennesima discussione ebbe il coraggio di dirmi che non l'amavo abbastanza.
Abbastanza rispetto a cosa? Forse paragonato al suo precedente fidanzato? Oppure, soppesato il mio amore con il suo, si era convinta di darmi più di quanto io non dessi a lei? Mi domandai se per caso esistesse una normativa internazionale che sancisse la dose minima ammissibile di amore.

Per un attimo tacqui, fissando in silenzio i suoi occhi a spillo e rendendomi conto per la prima volta di quanto la rabbia la invecchiasse, rendendola simile a un'insegnante di matematica delle scuole medie. Poi feci una cosa che non avevo mai fatto: a fatica, mi apersi il petto e appoggiai delicatamente il mio cuore sul tavolo, esattamente a metà strada tra me e lei.

"Guarda tu stessa", le dissi.

Io per primo ne fui stupito. Era bello, grosso, pulsante. Vivo.
E però, d'aspetto molto complesso e intricato.
Da un lato c'era un piccolo fascio di muscoli scuri, graffiati e pieni di segni. Marina, pensai. Era accaduto parecchi anni prima: avevamo un rapporto basato solo sul sesso, ci eravamo lasciati e ripresi decine di volte. Era stato grazie a lei, però, che avevo capito che il sadomaso non faceva per me.
Accanto, un piccolo grumo rappreso: Sandra. Stroncata sul nascere da una gravissima forma di fifa ferina e ansia di carriera. Verso il nucleo pulsante del cuore, una striscia compatta e forte: mia sorella. Sorrisi pensando a lei e a quanto ci fossimo stati vicini dopo la morte dei nostri genitori; ed eccoli lì, loro due: un velo di carne pendula che sembrava aspettare solo l'ultimo tocco per staccarsi e cadere.
Una grande area del cuore, da un lato, era senza dubbio dedicata a Chiara. Per un momento pensai quanto sarebbe stato facile, se all'epoca fossi stato in grado di fare il trucchetto del cuore sul tavolo. Non era mai successo niente, perché lei credeva che io volessi solo portarmela a letto, come facevo con tutte le altre, mentre per la prima volta per me era diverso; ma non ero riuscito a convincerla.

E poi ancora: Elisa, Elisabetta, i miei nonni, Emma, Carlotta, il mio migliore amico Fabio, che constatai occupare uno spazio molto più ridotto e scuro di quanto mi aspettassi, Paola, mio zio Marcello che mi aveva insegnato a pescare, persino un paio di insegnanti del liceo.
Trasalii notando una piccola arteria ancora pulsante: Alberto, l'amico del cuore delle medie. Chissà cosa sarebbe successo se quella volta, in camera sua...

Infine, identificai lei. Era un piccolo vaso sanguigno, ben irrorato di sangue ma periferico, marginale. Pareva sul punto di scoppiare. Accanto, un possente lembo di muscolo cardiaco pareva sovrastarlo. Si trattava della sua migliore amica. Per la prima volta arrossii.

Alzai lo sguardo per spiare la sua reazione: mi fissava sgranando gli occhi, rovesciò la sedia nell'alzarsi di scatto e fuggì via.

Sorrisi.

Poi mi accesi una sigaretta e aspirai sornione, riguardandomi orgoglioso riflesso nel mio cuore sul tavolo. Con la cicca appesa alla bocca e gli occhi socchiusi per il fumo, presi il muscolo con delicatezza e lo riposi al suo posto nel petto.

Solo i froci scopano le femmine

[fork()]

Meraviglioso.

"i cuori sono scatole perfette, in cui ritrovi sempre tutto"
gne gne gne E' primavera!

[fork()]

[r.c.p.::post]"i cuori sono scatole perfette, in cui ritrovi sempre tutto"

Luca chi??? NOOOOOOOOoooooooooooo.....
Dalla Califoggia a L.A. Barona

[fork()]

[pinkgodzilla::post]Luca chi???


Anche a lui è successo di scrivere qualcosa di decente, secobdo me, specie all'inizio.

E comunque siamo tutti come chicchi di grano
gne gne gne E' primavera!

[fork()]

[r.c.p.::post]E comunque siamo tutti come chicchi di grano

si ma infame mi hai coperto di scherno per degli inoffensivi baustelle
[Q.::post]mi apersi

anche dante ma che brutto


Where do bad folks go when they die? They don’t go to heaven where the angels fly, they go down to the lake of fire and fry. Won’t see them again till the fourth of july


[fork()]

[blackmaria::post]mi hai coperto di scherno per degli inoffensivi baustelle


ma no!! Devo essere stato frainteso, oppure ti confondi con qualcun altro, ma sigh ! Non posso essere stato io !!!!

[blackmaria::post][Q.::post]mi apersi


a me invece piace assaie
gne gne gne E' primavera!

[fork()]

[r.c.p.]E comunque siamo tutti come chicchi di grano

No.
La verginità è come un chicco di grano, passa l'uccello e se la porta via.
Dalla Califoggia a L.A. Barona

[fork()]

[pinkgodzilla::post]La verginità è come un chicco di grano, passa l'uccello e se la porta via.


Non tutte le verginità sono portate via dagli uccelli.

E comunque, Silvia lo sai, vivo in una bella città, con dei fantastici autobus di notte, ma è primavera e Marlon Brando è sempre lui...
gne gne gne E' primavera!

[fork()]

volate alto, eh. M'interessa davvero sapere: ci sono dei casi in cui non si riesce a comunicare i sentimenti in modo adeguato (=sempre). Vi è capitato di voler "mettere il cuore sul tavolo" e dire: toh, guarda tu stesso/a?

Solo i froci scopano le femmine

[fork()]

[Q.::post]Vi è capitato di voler "mettere il cuore sul tavolo" e dire: toh, guarda tu stesso/a?

no perchè la maggior parte delle volte ci accorgeremmo che l'altro ha ragione e noi stavamo mentendo a noi stessi come siamo soliti fare per comodo


Where do bad folks go when they die? They don’t go to heaven where the angels fly, they go down to the lake of fire and fry. Won’t see them again till the fourth of july


[fork()]

blackmaria = saggezza.

Solo i froci scopano le femmine

[fork()]

sei un ingrato.
E' ora di dirtelo: io sono tuo padre.

[fork()]

[Q.::post]Vi è capitato di voler "mettere il cuore sul tavolo" e dire: toh, guarda tu stesso/a?


Si, magari con meno naturalezza e un bel po' di sofferenza in più, rispetto al protagonistqa del raconto, ma con un sollievo identico alla fine (anche con la stessa sorpresa nel notare alcune venature). Sempre risoltasi tragicamente, l'esposizione del cuore non andrebbe fatta con troppa disinvoltura, a meno che non ci si protegga alla maniera che suggerisce il buon balckmaria, s'intende!
gne gne gne E' primavera!

[fork()]

[Q.::post]Il cuore sul tavolo

bleah, ma sei matto?
SPLATCH!



(bel racconto!)

[fork()]

LOL

(tra l'altro questo è uno dei rischi che si corrono mettendo il cuore sul tavolo, veramente !)
gne gne gne E' primavera!

[fork()]

beh ma scherzi a parte, non sempre ciò che è evidente per noi lo è anche per gli altri, e in ogni caso non lo è quasi mai allo stesso modo.
perciò niente cuori sul tavolo, o ci si crede per fiducia o ciccia.

[fork()]

Mi duole concittadina, ma sono in disaccordo.

Credo, anche se la realtà mi è ostile, alla glasnost in ammore, per me, se due (o più.. hehehehe) persone si amano dovrebbero essere in grado di sostenere la "trasparenza della cassa toracica" altrui.
Guardargli il cuore, complesso e striato, senza paure e complessi; perchè quello è il cuore della persona che ama (o che crede di amare).

Sennò amiamo pure per procura delle immagini del nostro inconscio, ma c'è rischio (tra gli altri) che i nodi vengano dolorosamente al pettine quando sarà troppo tardi.

Per me è così, ma mi rendo conto che in questo, come in altri, campo siamo tutti mooolto diversi e che quindi il mio cuore è meglio che resti dov'è, almeno per ora...
gne gne gne E' primavera!

[fork()]

[Q.::post]Vi è capitato di voler "mettere il cuore sul tavolo" e dire: toh, guarda tu stesso/a?

quando ero ragazzina per bullarmi.

Amare qualcuno ed essere riamati è di per sè così divertente che non è necessario perdere tempo con simili sciocchezze.
"Perché dovrei uscire là fuori per mostrarmi agli altri?
Si sta tanto bene qui."

[fork()]

fantastico. quando ne avrò la possibilità ti modderò piuerandoti

[fork()]

[Mafalda::post]sciocchezze


Pur non conoscendoti devo prendermi la licenza di affermare che, secondo me, "tu parli da donna ferita"
gne gne gne E' primavera!

[fork()]

[blackmaria::post]no perchè la maggior parte delle volte ci accorgeremmo che l'altro ha ragione e noi stavamo mentendo a noi stessi come siamo soliti fare per comodo

ah.
ma non è esattamente il senso del racconto di Q.?
è incredibile come non si senta la mancanza del necessario, quando si ha il superfluo.

[fork()]

[fragola::post]ma non è esattamente il senso del racconto di Q.?

dalla sigaretta indolente avevo capito che il protagonista l'abbia fatto apposta per chiudere definitivamente ferendola


Where do bad folks go when they die? They don’t go to heaven where the angels fly, they go down to the lake of fire and fry. Won’t see them again till the fourth of july


[fork()]

[blackmaria::post]chiudere definitivamente ferendola

sì ma perché lei lo pwnava continuamente dicedogli "non mi ami abbastanza" mentre lui viveva benissimo nella bugia che si raccontava.

uh. vabbé
è incredibile come non si senta la mancanza del necessario, quando si ha il superfluo.

[fork()]

[blackmaria::post]fatto apposta per chiudere definitivamente ferendola


Si, ma lei il cuore sul tavolo non l'ha messo eh, secondo me questo non è un particolare di poco conto.
Chissà se lei avesse provato a fare la stessa cosa; innanzi tutto, sono curioso di sapere se la mano dai propositi estrattivi sarebbe corsa al petto o, che ne so, al fegato, poi sarei curioso di sapere cosa ci si sarebbe visto, in quel cuore.

Adesso, però, mi sovviene che parlo da uomo ferito, quindi smetto di scrivere e mi dedico alla minzione.
gne gne gne E' primavera!

[fork()]

[fragola::post]lui viveva benissimo nella bugia che le raccontava.


Where do bad folks go when they die? They don’t go to heaven where the angels fly, they go down to the lake of fire and fry. Won’t see them again till the fourth of july


[fork()]

[r.c.p.::post]"tu parli da donna ferita"

assolutamente. Mi parrebbe il contrario.

Chi ha bisogno di misurare i sentimenti propri e altrui se non chi ne dubita?

Piccola precisazione dall'enciclopedia di comunicazione tra generi: una donna che dice ad un uomo "tu non mi ami più come una volta", di solito desidera che le si dica, come ai tempi del corteggiamento quanto è figa, che no, non ha la cellulite, che è la creatura più sexy dell'universo, possibilmente mentre le si fa un massaggino ai piedi...
o piccole varianti del genere.
non si intende realmente parlare di sentimenti, ma sollecitare atteggiamenti tipici del maschio in amore.

"Asphalto cioé"
"Perché dovrei uscire là fuori per mostrarmi agli altri?
Si sta tanto bene qui."

[fork()]

[Q.::post]Trasalii notando una piccola arteria ancora pulsante: Alberto, l'amico del cuore delle medie. Chissà cosa sarebbe successo se quella volta, in camera sua...


F R O C I O

[Q.::post]M'interessa davvero sapere: ci sono dei casi in cui non si riesce a comunicare i sentimenti in modo adeguato (=sempre). Vi è capitato di voler "mettere il cuore sul tavolo" e dire: toh, guarda tu stesso/a?


minchia, si'. quante volte mi e' capitato cosi'.
non sono capace di comunicare i miei sentimenti, evidentemente.
(pero' alcune riuscivano a capirli.)

[fork()]

[Mafalda::post]"Asphalto cioé"
.

Se è così, mi arrendo !

[Mafalda::post]Chi ha bisogno di misurare i sentimenti propri e altrui se non chi ne dubita?


Hai ragione, ma io non intendevo "misurare". Al di là del racconto in topic, "mettere il cuore sul tavolo" può capitare per le più svariate ragioni.
gne gne gne E' primavera!

[fork()]

Ah... ma io ho già un cuore di vetro.
non ho bisogno di metterlo su nessun tavolo.
"Perché dovrei uscire là fuori per mostrarmi agli altri?
Si sta tanto bene qui."

[fork()]

[psycho::post](pero' alcune riuscivano a capirli.)
troppo facile caro psycho.
sei un indolente.


asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai