recensioni :: 8 donne e un mistero

Prendete due giovani donne single in una stupida serata infrasettimanale, cose vi aspettate che facciano?

Semplice: che acquistino del cibo che le fara` sentire tremendamente in colpa il giorno dopo e lo consumino guardando un VHS che le faccia sentire in colpa mentre lo guardano, tipo uno di quelle belle commedie sentimentali americane, quelle che dichiari di non aver mai visto in vita tua e men che meno di aver pianto come un vitello scannato guardandole.

Questo e` quello che e` successo ieri sera.

Due giovanidonnesingol (io e harey, nella fattispecie) si sono avventurate nell'antro del mio spacciatore di fiducia di VHS (il quale gia` trema quando mi vede entrare da sola: "questo l'ho visto", "questo non e` il mio genere", "per questo non sono dell'umore adatto", figurarsi quando mi vede entrare con un'altra giovanedonnasingol sicuramente uterina almeno quanto me!). Insomma, le due esordiscono con un "vorremmo una bella commedia sentimentale, pero` non troppo triste, che gia` siamo depresse, ma neanche troppo leggera, no no, che palle...". Lo spacciatore di VHS (che da ora in poi chiameremo S.D.V.) gia` suda freddo mentre le due giovanidonnesingol (che da ora in poi chiameremo G.D.S.) passano in rassegna i titoli esposti: G.D.S.: "Magdalene c'e`?"

S.D.V.: "Ma... ehm ..." il terrore di scatenare una discussione che lo portera` a chiudere il negozio con un'ora di ritardo lo attanaglia, si asciuga la fronte, accende una sigaretta "forse Magdalene non va bene se siete depresse...".

G.D.S.: "Beh, vabbe`, mica e` una storia sentimentale che finisce male!"

Enno`, eccerto, che mica volevate vedere la commedia sentimentale strappalacrime, pensa ma non azzarda a dire il gia` provato S.D.V.

G.D.S.: "Potremmo vedere Come eravamo, oppure Un uomo chiamato cavallo, c'e` 8 donne e un mistero?"

S.D.V.: "Ehm... vedo... si`, credo di si`" cerca di tagliar corto la nostra vittima, ma non sa che lo aspetta il colpo di grazia.

G.D.S.: "E com'e`?"

S.D.V.: "Uhm... ehm... cariiiiiiino..."

G.D.S.: "Carino? Ma l'hai visto?"

S.D.V.: "Uhm... ehm... no"

Lo S.D.V. e` ormai alla frutta, le nostre l'hanno capito e, siccome sono solo un po' singol e uterine, ma non stronze del tutto, decidono di lasciarlo in pace e affittare 8 donne e un mistero. Senza rendersi conto che e` francese.

Otto. Sono senz'altro otto.I primi dieci minuti del film scorrono in una specie di limbo da sospensione del giudizio, complice forse il kebab che le due stanno mangiando e che occupa buona parte della loro concentrazione. La prima impressione e` che il film sia stato girato come la ripresa di una piece teatrale: personaggi sempre di fronte, schierati sempre in modo compatto, entrate chiave prevedibilissime; non abbiamo deciso ancora se sia un bene o un male.

La perplessita` si tramuta in sgomento quando parte la musichetta e tre delle attrici si mettono a cantare una canzoncina in francese con tanto di balletto, il cui messaggio profondo e` "papa` perdi colpi". Io e harey ci guardiamo in faccia, lei commenta "non sapevo fosse un musical!" e io "neanche io, infatti non e` un musical, e` solo una tristezza infinita".

E` passata circa mezz'ora dall'inizio del film quando io prendo la guida TV per cercare qualcosa di alternativo, poi scendiamo a piu` miti consigli e decidiamo di vederlo tutto, sfruttando le canzoncine per chiacchierare e raccontarci le ultime novita`; poi, siccome dei VHS non si butta via niente, ci inventiamo pure un giochino: dobbiamo cercare di indovinare quando partira` la prossima canzoncina e chi sara` l'interprete. Di solito ci prendiamo, di solito questa non e` una bella notizia.

Tra una canzoncina e l'altra l'intreccio offre infinite chicche: un paio di lesbiche dichiarate, due incesti, di cui uno poi non effettivo, una gravidanza, un amante in comune, una mamma snaturata e omicida che ogni tanto viene chiusa nel ripostiglio, e paco tu sei la cognata della sorella del carpentiere di mio nipote. Insomma, bbbiutiful ci fa una pippa a questo film. Per non parlare delle acconciature e dei vestiti che meriterebbero tutta una recensione a parte.

Che dire, piangere non abbiamo pianto, solo non abbiamo ancora deciso se essere felici perche` non ci pettiniamo come le protagoniste del film o deprimerci ulteriormente perche` le nostre vite al confronto delle loro sono inesistenti o picchiare lo S.D.V. alla prossima occasione.

Ah, se decidete di vedere questo film: la fine e` esattamente quella che avevate immaginato subito dopo la fine della sigla iniziale.

Buona visione.

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai