politica bla-bla :: La guerra tra poveri

l'altro giorno ho incrociato un negro, passeggiava con una bambina, immagino la figlia, ed aveva l'aria contenta. qualche minuto dopo tornando indietro l'ho visto sul balcone di una casa che salutava qualcuno per strada, sempre molto contento. ho notato per l'ennesima volta che ormai diverse vecchie case ospitano questi negri. i vecchi proprietari devono essere morti o forse si sono trasferiti altrove. probabilmente nel giro di una ventina d'anni resteranno solo negri. tutti i vecchi paesi dove abitano solo persone anziane e gente che non è riuscita ad andarsene diventeranno paesi di negri, e sarà curioso vederli mentre passeggiano davanti ai circoli, alle chiese, nei vecchi giardini pubblici intitolati al re o a garibaldi, mentre ripitturano le vecchie case coi loro colori negri, verde e giallo, o cambiano le insegne con altre in arabo o in qualche loro lingua gutturale, misteriosa e diabolica. il passante, di fronte allo spettacolo, potrà notare che case ed abitanti non hanno nulla in comune e magari penserà a qualche epidemia che abbia sterminato la vecchia razza, o al passaggio di uno strano pifferaio, che si è portato via la gente lasciando i topi.

[Totoelezioni 2018] Harry Potter e il Male Minore
[fork()]

Pwni, sei un sognatore .
Lo ero anch'io ma prima di aver avuto a che fare con negri e musulmani.

Prima cosa: Ho amiche che insegnano italiano ai neri, lo fanno come volontarie perché non ci sono soldi per pagarle. I neri un po' imparano ma il loro vero scopo é andare nei paesi più a nord, perciò s'impegnano anche poco. C'è da dire che i neri stanno rendendo l'italiano una lingua molto usata in Europa. Lo parlano tra di loro anche qua in Germania.

Germania che per quanto riguarda le risorse per integrare i forestieri é molto più generosa dell'Italia eppure anche i turchi di seconda generazione sono meno integrati di me. parlano tedesco con un forte accento straniero, fanno la spesa nei supermercati turchi, lavorano tra turchi. Esistono addirittura farmacie turche! Quindi se anche un giorno tutti questi neri saranno integrati noi non saremo qua per vederlo.

Altro problema: Puoi cambiargli le abitudini e insegnargli a mangiare gli spaghetti, ma la loro cultura non la cambi facilmente. Vengono da posto in cui vige la legge del più forte e le donne sono considerate meno di uno sterco di vacca secco con cui costruite le case, la loro idea sulle donne non la cambieranno facilmente, hanno bisogno di scopare anche loro ei soldi per le puttane non li hanno. Ovvio che diventano molestatori alla prima occasione.
L'accoglienza di tutto sarebbe una cosa magnifica ma non siamo in grado di farla, inoltre dovremo fare entrare le persone in modo un po' più ragionato mentre qua arrivano a caso e arrivano quasi solo uomini. Perciò sarebbe meglio prendersi una pausa. Mi rendo conto che arrivano da situazioni terribili, mi spiace un sacco, ma se devo scegliere tra la mia sicurezza e loro scelgo me.

Altra cosa da non sottovalutare é lo scontento generale in Europa. Anche se l'accoglienza fosse sensata e non problematica non bisogna sottovalutare il sentire comune. I popoli infelici sono pericolosi e noi siamo diventando tutti infelici.

scotto
[fork()]

quindi anche i negri di germania vogliono andare più a nord? ma cosa cazzo sperano di trovare questi negri, il paese di babbo natale? dove porcoddio vogliono andare, al polo di stocazzo? cos'è, una specie di rotta dei lemmings negri?

[Totoelezioni 2018] Harry Potter e il Male Minore
[fork()]

rebis::1768773

Pwni, non sei uno scopatore .

Nemmeno l'ero ma prima di aver avuto a che fare con negri e musulmani.



Prima cosa: Ho amiche che si fanno inculare a sangue dai neri, lo fanno come volontarie perché non i negri non hanno soldi per pagarle. I neri un po' imparano a stantuffare nella figa ma il loro vero scopo é andare nel buco diddietro, perciò s'impegnano anche poco. C'è da dire che i neri stanno rendendo la lingua molto usata sulla figa. La parlano tra di loro anche qua in Germania.



Germania che per quanto riguarda le risorse per integrare i forestieri é molto più generosa dell'Italia eppure anche i turchi di seconda generazione sono meno integrati di me. parlano tedesco con un forte accento straniero, fanno la spesa nei supermercati turchi, lavorano tra turchi. Esistono addirittura farmacie turche! Quindi se anche un giorno tutti questi neri saranno integrati noi non saremo qua per vederlo.



Altro problema: Puoi cambiargli le abitudini e insegnargli a mangiare gli spaghetti, ma per fortuna la loro cultura non la cambi facilmente. Vengono da posto in cui vige la legge del più forte e le donne sono considerate meno di uno sterco di vacca secco con cui costruite le case, la loro idea sulle donne non la cambieranno facilmente, hanno bisogno di scopare anche loro e i soldi per le puttane non li hanno. Ovvio che gliela dia in gruppo alla prima occasione.

L'accoglienza nella figa e nel culo da parte di tutti sarebbe una cosa magnifica ma non siamo in grado di darla, inoltre dovremo fare entrare le persone in modo un po' più ragionato negli orifizi mentre qua arrivano a caso o in figa o nel culo e arrivano quasi solo uomini con grandi cazzi. Perciò sarebbe meglio prendersi una pausa senno mi spano i buchi e finisco a cagare alzandomi in piedi. Mi rendo conto che arrivano da scopate terribili, mi spiace un sacco, ma se devo scegliere tra la mia sicurezza e loro scelgo di ingoiare.



Altra cosa da non sottovalutare é lo scontento penico generale in Europa. Anche se l'accoglienza fosse sensata e non problematica non bisogna sottovalutare il sentire comune. I popoli infelici col cazzo corto sono pericolosi e noi siamo diventando tutti infelici perché ce l'abbiamo più corto dei negri




“Ma non è meglio se pensi solo alla fica, ritardato di merda?”
(Il tubone)

#metoo
[fork()]

rebis::1768773
Pwni, sei un sognatore .

Lo ero anch'io ma prima di aver avuto a che fare con negri e musulmani.

rebis all´estero ci abito pure io, da un decennio, con negri e musulmani ci vivo e lavoro quotidianamente, e no, non capisco cosa intendi.
l´integrazione totale non é affatto indispensabile, accade in maniera naturale se e dove ce ne é l'occasione, altrimenti non accade, ma quantomeno si evitano le ripercussioni sociali di una ghettizzazione e esclusione dai diritti.
i turchi in germania non saranno integrati, ma sono di casa, nella misura in cui le loro comunità sono delle isole indipendenti. lavorano, parlano il tedesco anche fra di loro e non mi pare che facciano chissà quali disastri, offrendo anzi manforte a una miriade di ambiti lavorativi in cui i tedeschi si rifiutano di lavorare (vedi l'enorme domanda di lavoro manuale in germania, e non si parla di lavoro in nero).
quanti attacchi a sfondo razzista ci sono in germania ogni anno? le cifre sono imparagonabili con quelle degli attacchi prototerroristici o a sfondo religioso. ma ovviamente la violenza di destra è "un'altra cosa", perchè è violenza di gente che sta a casa propria, diretta verso ospiti sgraditi.
dove ha luogo questa violenza? ovviamente nel blocco est, dove c'è il tasso di disoccupati maggiore, perchè il 60% degli attacchi a sfondo razzista è mosso da disoccupati, frustrati da speculazioni sui loro immobili e a rischio esclusione nelle grandi città (guarda i risultati dell'afd nei grandi centri urbani, è una rivolta delle periferie contro la città).

concentratevi pure sui negri, ma a me pare che ci sia un problema legato alle politiche per il sociale, per l'abitato politiche fiscali, del lavoro. il welfare insomma. dove sono i soldi per rinforzare il welfare? li ha portati jeff bezos a panama, mentre renzi lo invitava a bere uno spritz per parlare di investimenti in italia (i robot che ti mettono il dildo comprato su amazon nellano)

[fork()]

pugnezzatore se lavori all'estero che cazzo ti ingerisci dei problemi italiani?
vai a cagare a morire nel bieco paese in cui sei emigrato (probabilmente suscitando l'ira dei locali, che non ti distinguono molto da un negro).

[fork()]

sto mettendo le scarpe guarda, anzi a questo punto rilancio e ti mando a farti mettere i totani freschi freschi nel culo al mercato sotto casa, terrone del cazzo.

[fork()]

a proposito di Germania: sospetto che i civili tedeschi uccisi durante la II guerra mondiale siano molti di piu di quanto sia comunemente riportato. quando i russi si sono accorti che la Wermacht aveva lasciato morire di inedia e assideramento qualcosa come 7 milioni di soldati dell'armata rossa, i sovietici si sono incazzati e hanno reso pan per frescaccia sfogandosi sulla popolazione civile dell'allora 3d reikt, senza contare le comunità tedesche altrove.

[fork()]

ahahaha pugnezzatore dovevi mettere in atto la tua strategia di integrazione dei meridionali prima di emigrare, così ti avrebbero seguito all'estero lasciando più spazio ai negri. chissà poi se nel paese dove vivi ti hanno integrato. ti hanno mandato all'asilo-riformatorio come vuoi fare tu coi negri o te la sei dovuta sbrigare da solo? ma non credere che io ti stimi di meno perché hai abbandonato la nave che affonda, tutt'altro: hai fatto bene. solo che adesso i consigli li dovresti dare a stocazzo.

Post in homepage Addio Zio Tom - parte II [47 risposte]

scotto::1768793
probabilmente suscitando l'ira dei locali, che non ti distinguono molto da un negro
A tal proposito, ritengo pertinente un aneddoto che mi ha raccontato un mio conoscente.
Da un po' di tempo costui ha scelto di vivere nel quartiere negro di una grande città europea, un po' per gustare appieno l'esperienza cosmopolita senza falsi filtri, un po' per fronteggiare i prezzi proibitivi degli alloggi nelle altre zone.
Ebbene, mentre era sulla via di casa, gli capitò di essere fermato da un paio di gendarmi per un controllo dei documenti, occasione tutt'altro che rara in ragione delle tensioni di carattere razziale che scandivano la vita del rione, unitamente al mercato del pesce essiccato e del piccolo spaccio.
Dopo aver buttato un occhio alla carta d'identità, gli apostoli della fratellanza universale presero a motteggiare il mio conoscente con frasi del tipo "un italiano si troverà sicuramente bene in questa zona di negri" e altri salaci apoftegmi sulla nostra ridente peninsula.
Il tipo era in cuor suo intenzionato a rispondere in maniera sprezzante, sulla falsariga del piccolo patriota padovano; allo stesso tempo la sua concezione di amor patrio non arrivava in verità a ricomprendere le eventuali ritorsioni da parte dei gentiluomini in divisa - che con ogni probabilità si sarebbero sostanziate nell'inserzione coatta et ripetuta di manganelli nei propri orifizi.
Il conundro era aggravato dal fatto che i birri, da parte loro, non mostravano alcuna intenzione di lasciare andare il nuovo amico italiano, che iniziava a sudare freddo.
Frattanto, un drappello di una decina negri si era assiepato ai margini della scena, assistendo al confronto in silenzio, similmente agli dei olimpici che osservano lo scontro tra achei e troiani senza intervenire.
A un certo punto, uno di loro si fece avanti in maniera decisa, facendo presente che l'italiano era libero di andarsene senza essere ulteriormente importunato, visto che dal controllo non risultava nulla.
Subito i lazzi si interruppero.
Ebbe quindi luogo un breve e silenzioso confronto sulla consistenza aritmetica dei due gruppi: due gendarmi vs dieci negri un po' incazzati, a cui si sarebbe aggiunto anche un compare europeo ferito nell'orgoglio nazionale.
Tutt'a un tratto le argomentazioni del subsahariano, ancorché stringate, risultarono abbastanza convincenti agli agenti; costoro, senza dilungarsi ulteriormente, ridiedero il documento al mio amico, ancora stupito dall'intervento del negro ex machina.
La brigata color carbòn, assiepata in semicerchio attorno all'italiano, osservò in silenzio i tutori dell'ordine pubblico risalire nell'auto di pattuglia e allontanarsi di gran carriera.
Solo allora la nigra compagnia decise di riprendere la sua marcia, richiamata forse da altri torti da raddrizzare o, dal profumo del pesce essiccato che promanava pungente da un vicino cantone.

Svegliatemi per l'apokatastasis

scotto
[fork()]

é una bella storia che mostra quanto sia vincente la strategia di chi vuole gli italiani alleati dei negri contro l'europa (il pd, berlsugoni), o addirittura contro lo stesso capitalismo (pepe crille, la boldrina).

[fork()]

il pwnezzatore::1768763
non penso insomma che siano negri


il pwnezzatore::1768794
terrone del cazzo

scotto
[fork()]

comunque lo dicevo io, ha ragione in piunezzatore, agli italiani i negri sono simpatici e non vogliono mandarli via, anzi fanno le petizioni per tenerseli.
http://www.primonumero.it/attualita/primopiano/articolo.php?id=26922

notare con quanta delicatezza il giornalista loda il gran cuore dei paesani prima di riportare un fatto vero ma increscioso, e cioè che sviaggiare i negri avrebbe ricadute occupazionali.
e vedi tu.
in un paese di cinquecento vecchi, dove probabilmente l'unico datore di lavoro é il comune, quattro negri fanno sempre comodo. se fossero stati caimani da accudire a spese pubbliche i bravi paesani non avrebbero pianto di meno.

[fork()]

ma si ma si, che ho a che fare e empatizzo pure coi terù, non te la prendere dai.

[fork()]

ieri credo di avere inquadrato meglio il problema di scotto, che è il seguente: egli si sposta spesso all'interno della sua città per motivi di lavoro.

Mi è accaduto infatti di prendere il solito treno ma nel pomeriggio e trovare lo spettacolo indecoroso che spesso egli associa alla negritudine: lattine rovesciate, gente stravaccata sul sedile, negri e negre che strepitano borborigmi con il cellulare in vivavoce. Notavo il contrasto con la solita fauna di pendolari mediamente vestiti da ufficio che stipavano il treno come al solito stamattina.

L'ovvia conclusione è che fuori dagli orari d'ufficio la città è di proprietà di chi non lavora. Siccome i vecchi si allontanano poco e solo per mettersi in coda in banca dal medico alle poste e per qualsiasi servizio socialmente utile, ne risulta naturalmente che in quelle ore la città è di proprietà dei disoccupati, e che essi siano per la maggior parte negri, e fanno quello che i disoccupati negri fanno per fa' passà 'a jurnata, ovvero bevono e si stravaccano. Fossero disoccupati peruviani, probabilmente il centro sarebbe un enorme barbecue.

In pratica, la mia diagnosi è che il disagio di scotto nasce dall'eccesso di frequentazione. Soluzione: entra nel giro delle negre, che tanto quando sei in giro tu i loro uomini sono tutti fuori casa.
giuro che il mio unico scopo nel resto dei miei anni diventera' scoprire dove abiti e piantarti un cacciavite in un occhio ('u Prufissuri)

Chi urla di piu' la vacca e' la sua

Colpa mia che mi ostino ancora a dire cose intelligenti su Internet

[fork()]

merde () con l'altro thread
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

sul baccalà al momento non ho nulla = miserabile impostore
L'ultimo dei boia da cani

[fork()]

Untore vicentino::1768916

Funghi misti



sbollentare i funghi per 5 min in acqua bollente
Exécution.

Svegliatemi per l'apokatastasis

[fork()]

mi raccomando state tutti dietro a candelopoulos che così andiamo a gonfie vele
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai