bla-bla :: [1] [asphaltanzulla] il thread del computers

Cari amichi, l'altro giorno facevo un checkdisk al mio misero portatile (battezzato Ordigno III e poco dopo, più propriamente, Testudo) poiché ogni tanto laggava e lo gnomo ferale della uindos mi avvertiva che l'hard disk è malato e poi ancora, all'avvio successivo, la provvidenziale tecnologia SMART mi diceva dell'imminiente failaggio del disco. Poco prima avevo preparato un backup fresco e allora non mi preoccupascevo granché, quanto vuoi che sia imminente il failezzo? Restava solo da trasferire una partizione di quasi 200 dicasi due centinaja di GB di mp3 bellamente organizzati. Intanto mi appropriavo più o meno legalmente di un pc desktop assai meno valetudinario (da cui vi scrivo, fratelli!) in cui riversare la mentovata musicoteca.
Testudo è rimasto spento e indisturbato per alcuni giorni e oggi mi decido a svegliarlo. S'avvia al galoppo dei suoi 2 GHz, ignaro & bomberista come suo costume, loggo l'account, vado per andare (locuzione amabiliffima) alla partizione e in quel momento a Testudo si rompono i circuiti dell'ironia, non sa più stare allo scherzo e inizia ad arrancare all'uso delle tortorugie, lento come il tormento. Lo costringo ad avviare la spegnizione e ci mette alcuni quarti d'ora, preferisce estenuare il processo ipnagogico ché lui sa (ma io non ancora) essere l'ultimo prima sopraggiunga lo sconquasso mnemonico. Adesso Testudo non ne vuole sapere di far partire uinos, partecipa solo della vita vegetale, bios, poi si ferma al nero abisso che un dì preludeva alla quotidiana resurrezione. Gli ho infilato un pennino usb con un'utilità di riparaggio del disco, questa ha trovato appena 3 settori danneggiati e asserisce pure di averli ricoverati, il resto pare integro, la partizione con la musica è viva ma imprigionata nel limbo come l'Euridice. Ma non s'avvia! Provo col DVD di ripristino, anche a costo di reinstallare tutto, e niente, la memoria di Testudo sembra disponibile a farsi rovistare ma poi si ritrae proditoria, come le femmine che apparecchiano il proprio stupro.
Si narra di live linux inchiavettabili che entrano nel coma profondo e vi creano artifici onirici che consentono di manipolare i contenuti della memoria, financo di aprire un varco nella rete e consentire transumanze in corpi giovani e ospitali. Una volta ne sperimentai uno e funzionossi molto bene, lo tengo ancora nella pennetta, ma ora non ha funzionato. Forse esistono istromenti più invasivi e valorosi?
Consigliatemi, vi ripagherò in merce rarissima di questi tempi (preghiere e benedizioni per la vostra anima).

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai