deliri :: [1] in Ecclesia propositiones has sequentes, cum munere publico tum actu privato, propagavit, falsas profecto et haereticas:

Lord H.::1765333
Immagino sia superfluo riportare la precisazione sul modernismo che campeggia sulla prima (e unica) pagina del link:
più che superfluo direi... inadeguato? non so se trovi più congruo attingere ad un pamphlet antimodernista piuttosto di informarti su stralci o testi che descrivono (o rappresentano) questo movimento un po' dovunque. magari vai in risonanza con quella definizione lì e non ti voglio certo distogliere. più strambo che tu mi crtichi per l'uso di una parola di uso abbastanza comune e che si attaglia perfettamente al succo della questione. non credo ti sfugga che il modernismo cattolico non è un movimento secondo cui va bene essere cristiani ma va bene anche non esserlo - o essere zoroastriani. in modi diversi il modernismo punta a definire il rapporto con dio a prescindere da fatti e opere (es.: la storia, che invece è fondamentale nella tradizione paolina) o dal rituale (es.: i sacramenti) spostandolo su un piano atemporale e spesso interiorizzato, a detta di molti in risposta all'universalismo scientifico. dio, fede ecc. sarebbero fatti in senso più o meno naturalistico, anteriori a qualunque rappresentazione o ente transeunte.
(aggiungo che, molto in soldoni, la riforma stessa fonda ab ovo alcuni argomenti di quello che poi sarà un dibattito ecumenico e dalla rivoluzione industriale direi anche metareligioso)
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai