recensioni :: [1] I FILM DI TETTE* CHE L'ASPHALTO POTREBBE VEDERE NEL 2017

il pwnezzatore::1764880
tu parlavi di ringo e high 5, per darti un metro del tuo pensiero in terreni post-coloniali
Figurati, fosse per me il colonialismo non sarebbe arrivato al post- e ora potrei sorseggiare dell'ottimo rhum agricolo seduto nella veranda della mia hacienda.
il pwnezzatore::1764880
gonzo smettila di parlare dei miei presunti limiti e parla del film, cristo,
Cosa che mi sarebbe piaciuto fare, prima di leggere
il pwnezzatore::1764780
non so se vale la pena di spendere altre parole per commentare la struttura del film. forse no.
Cioè magari il film ti sarebbe potuto piacere, MA hai registrato la dolente omissione dei negri che camminavano sulle spiagge francesi.
gonzokampf::1764827
Dunkirk è raccontato in modo da prescindere dalle sue coordinate storiche. I protagonisti vivono e muoiono nell'assoluto degli elementi

ma di cosa cazzo stai parlando, su.

Del fatto che il film non è una ricostruzione storica asettica, e si discosta anche dai canoni di stretto realismo che erano una costante del cinema bellico fin dai tempi Salvate il soldato Ryan. Anche se non succede nulla di storicamente infondato, il linguaggio e la struttura con cui Nolan racconta gli eventi non è oggettiva, ma deformante e astrattizzante. Si tratta di un carattere che tutte le recensioni, tanto dei detrattori quanto degli estimatori, hanno colto: potrebbe trattarsi di qualsiasi guerra, in qualsiasi tempo.
il pwnezzatore::1764880
quella che tu definisci la mia "ottica fintamente empatica per le c.d. minoranze" è in realtà disapprovazione e disgusto nei confronti delle maggioranze. con la minoranza fondamentalmente empatizzo tanto quanto con gli stupratori di rimini, meno di 0.
mal tollero la sete di rappresentazione occidentale filo imperialista, specialmodo quando reiterata all'impossibile nei tristi destini del contemporaneo. mi stomaca. parto da un rifiuto, non da un buonismo.
È tutto stupendo*, però considera che si tratta comunque di una prospettiva deformante, nel senso che:
- vedi rappresentazioni imperialiste anche dove non ce ne sono (come in questo caso);
- non riusciresti ad apprezzare neanche le rappresentazioni imperialiste ben riuscite.

* a dire il vero, ci sarebbe quest'idea dell'Occidente come un nucleo compatto e fiero di valori omogenei da Nuova Amsterdam ad Atene che mi sembra un po' ingenua, visto che già in Europa si fa fatica a far convivere l'idea mediterranea con quella tellurico-continentale.

Svegliatemi per l'apokatastasis



asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai