bla-bla :: [1] Guerra civile Ukraina

comunque l'altra sera hanno fatto un documentario su un prete ucraino che salva i bambini dalla droga con le maniere forti.
non ho capito bene di che chiesa sarebbe prete questo tizio, da ragazzo faceva il vigile del fuoco e a vederlo vestito di nero, massiccio, anticomunista accanito, che fa il bagno a novembre e tira di pugilato, si direbbe più un fascista narcisista che altro.
e infatti è ciò di cui lo accusano, anche perchè è indubbiamente un bell'uomo, ma soprattutto è forte, proprio visibilmente forte, sia nel corpo che nella fede. è il tipo d'uomo per cui le femmine secondo me si bagnano, e infatti la maggior parte dei suoi sostenitori sono femmine.
comunque, il tizio ha deciso di salvare i bambini perchè in ucraina si fanno le siringhe a nove anni, sniffano la colla, si prostituiscono coi i ricchioni per degli analgesici, molti sono anche alcolizzati, quasi tutti orfani perchè i genitori sono drogati, alcolizzati, sordomuti, pazzi, un panorama che non sembra vero, baracche che in confronto gli zingari sono dei signori, e allora siccome la polizia è corrotta o inefficiente e lo stato se ne fotte, il prete esce di sera come un commando a va a raccattare questi ragazzi dove li trova li trova, con le maniere forti, e a volte raccatta anche donne vittime di abusi, minacciando apertamente gli abusanti di rompergli il culo (è bello quando dice a uno "adesso vattene, non costringermi a peccare", sembra proprio una frase da personaggio dei fumetti).
il tizio, devo dire, mia ha affascinato. anche se il documentario usa i mezzi più infami, quasi pornografici, per fartelo stare simpatico. mostrano bambini con le gambe martoriate, piene di buchi e di bolle, infezioni, con la pelle che sembra scrostata con un acido, ragazzini con i buchi sulla pancia, con le labbra nere, i denti rotti, scene veramente orrende, e anche funerali di bambini, più di uno, con piccole casse rosse o nere, e gli altri a buttarci su palate di terra. una serie di scene così efferate che non puoi non essere daccordo col prete, anche quando va a prendere una donna e quasi butta giù una porta e se ne passa per il cazzo della legge e poi va in televisione a farsi bello, che sia un narcisista non c'è dubbio e a modo suo un drogato, dice più volte che lui senza queste cose non può stare, che aiutare 'sti bambini lo eccita, al punto che ne ha adottati una trentina.
il tizio è pericoloso, ci manca pochissimo che sia una creatura detestabile e invece se ne resta affascinati, per la sua forza, di nuovo, per la sua assoluta sicurezza, e perchè gli altri intorno al suo confronto sembrano tutti cadaveri, poliziotti, politici, giornalisti, sembrano sagome di cartone.
il documentario lo mostra spesso mentre si lava la faccia, le mani, nell'elementare metafora della pulizia, eppure come si fa a non invidiare quel tizio? che alla mia età nuota nell'acqua gelida, corre, fa la box, ha trenta figli, sfama duecento persone, e non ha dubbi, e morirà presumibilmente contento, felice. la sua personale ossessione coincide con i bisogni del popolo, la sua fortuna è immensa.

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai