recensioni :: [1]

Non riesco a quotare dal cellulare (forse che non si può?). Su wake of fright, a causa di bias personali, sono forse troppo condizionato dalla storia narrata per poter valutare il film in sè. Sintetizzando all'estremo, che non vorrei scriverci 12 cartelle, l'ho trovato abbastanza piatto, in special modo per come viene caratterizzato il protagonista. Mi sono fatto l'idea che sia un limite di Kotcheff tant'è che nell'altro suo film, first blood/rambo, dove il soggetto (e il protagonista) è stato pesantemente rimaneggiato (e caratterizzato) da Stallone*, il problema non l'ho riscontrato. Pur facendo i dovuti distinguo, paragono i due film perché entrambi narrano il senso di straniamento di un protagonosta dis-integrato e dunque viaggiano su binari simili e pure si fatica a vederci dietro la stessa firma.

* Sylvestro, checché se ne dica, nella sua personalissima nicchia è stato una discreta penna e l'Oscar per Rocky ci stava tutto
L'ultimo dei boia da cani

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai