deliri :: Sandra

Mi ricordo di te. Eri biondissima, capelli corti, corpo magro con gambe lunghissime. Avevo la fissa per i tuoi piedi da quando ti avevo visto, insieme a conoscenti, ad un aperitivo al mare. Avevi un gonnellino bianco, sandali leggerissimi che fasciavano quelle tue gambe lunghissime e soprattutto quei piedini che mi provocarono un'erezione immediata, probabilmente visibile sotto i miei boxer da mare. Ero abbronzato, allora, e anche muscoloso. Infatti ci provasti subito con me e pure di brutto. Alla fine mi invitasti ad uscire con te una sera con una scusa banalissima, ti venni a prendere in piazza dove ti presentasti, nonostante la brezza, con gli stessi vestiti di quella sera, stessi sandali, stesso gonnellino. Solo un maglione colorato ti copriva il busto e le tue tettine facevano capolino da sotto. A quell'aperitivo in piazza mi toccasti più volte, sbadatamente, certo, più volte sotto il tavolo e altrettanto sbadatamente ti accarezzai i piedini alcune volte. Mi dicesti che non potevano andare a casa tua perché la tua coinquilina era amica del suo (ex?) ragazzo e io purtroppo abitavo ancora dai miei. Quindi affittammo una cameretta ad ore in un laidissimo alberghetto da chiavaggio in centro. Da gran signore lasciai il mio documento al portiere, mentre tu già salivi le scale per andare in fretta e furia a farti una lieve doccia. Quando arrivai in camera, dopo le varie pratiche burocratiche, ti trovati a letto, nuda, a gambe aperte, chiedendomi subito se volevo assaggiare la specialità del luogo. Forse rimanesti un po' imbarazzata dal fatto che prima di tutto cominciai a leccarti i piedi, succhiandoti ogni dito del piede, la pianta del piede per saliere pian piano per le gambe alla tua fica. Dopo vari minuti di leccaggio mi dicesti che non avevi però il preservativo ma prendevi la pillola. Giusto per testimoniare la tua buona fede, tirasti fuori dalla borsetta una confezione di pillole anticoncezioniali e ne prendesti una. Ti fiocinai all'istante, baciandoti a fondo con la lingua ancora gronda dei tuoi umori ma non riuscii davvero a venire. Il mio cervello non mi permetteva di sborrarti dentro, non ero molto convinto. Ti pompai a lungo, probabilmente più di quando avresti voluto. Per venire, uscii e cominciai a menarmelo sborrandoti alla fine sui piedi che ripulii avidamente, per poi venirti a baciare in bocca, dandoti di lingua con mio sperma sulle labbra. Forse ti aspettavi altro da me. Qualcosa d meglio. Infatti non mi hai mai più chiamato e non mi hai mai risposto. Due mesi dopo ci siamo incontrati per caso in piazza, mentre passeggiavi col tuo ragazzo, povero cornuto. Ma non avevo timori. Ero più alto di lui di oltre una spanna. Me lo presentasti per la prima volta e dandogli la mano non potei far a meno di pensare che quelle labbra che ti avevano appena baciato di fronte a me mi avevano slinguazzato la sborra fuori dalla mia bocca solo due mesi prima. Povera Sandra. Avresti dovuto fare una carriera per quanto eri troia.

“Ma non è meglio se pensi solo alla fica, ritardato di merda?”
(Il tubone)

[fork()]

Inospitale::1757045
Avresti dovuto fare una carriera per quanto eri troia.
invece poi non pare mica tanto, alla finfine. no?
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

Sapevo che Sandr0cchia Mil0 ne aveva fatte di tutti i colori, ma farsi depositare lo sperma di Inox dalla bocca del medesimo, dai...

[fork()]

minchia a una prima letta non capivo, poi quando ho iniziato a capire e visualizzare sono stato poco b
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

inox ci sei andato pesantino però considerato la situazione da primo date

[fork()]

Per una di quelle strane coincidenze della vita ho appena visto l'immagine perfetta con cui mi ricorderò di questo post, eccola:

(È perfetta perché il piede con inospitale attaccato è fuori dall'inquadratura)
asphtimer

[fork()]

Noto che quasta soave fanciulla ha deciso di bagnarsi direttamente dalla bocca di scarico delle fogne.
An intellectual is a highly educated man who can’t do arithmetic with his shoes on, and is proud of his lack. (Robert A. Heinlein)
La vita è una malattia incurabile, bisogna solo avere pazienza ed aspettare che passi. (f205v)

[fork()]

rodolfo::1757269

Cfr. la Carlotta di 8 e 1/2: indole porcona, sposata a un ometto ignaro, si fa chiavare dal protagonista in un alberghetto da due soldi, ha qualche rimorso ecc.

[fork()]

f205v::1757278
ha deciso di bagnarsi direttamente dalla bocca di scarico delle fogne
trattasi di un marginale inestetismo nel combinato della struttura dei muretti di contenimento e del sistema di drenaggio di un ecosistema pseudoalpino (la patta dei miei calzoni s'è irrimediabilmente incrinata)
L'ultimo dei boia da cani

[fork()]

lord h. oltre a metatroneggiare a volte ci regala materiale che sembra quasi che su asphalto piaccia ancora la figa (lo elogio)
vincibile::1757279

rodolfo::1757269


Cfr. la Carlotta di 8 e 1/2: indole porcona, sposata a un ometto ignaro, si fa chiavare dal protagonista in un alberghetto da due soldi, ha qualche rimorso ecc.
mi riferivo all'ambientazione con sandr0na m1l0
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai