media recensioni :: I FILM DI MENARE* CHE L'ASPHALTO NON VEDR MAI NEL 2016

ecco una lista non esaustiva, per lo più inutile e volutamente irritante dei film che potrebbero ricevere una recensione in questo thread della fine dei tempi:

SONY:

Money Monster – 8 aprile 2016
The Shallows – 24 giugno 2016
Ghostbusters – 15 luglio 16
Patient Zero – 2 settembre 2016
The Magnificent Seven – 23 settembre 2016
Underworld 5 – 21 ottobre 2016
Passengers – 21 dicembre 2016
Jumanji – 25 dicembre 2016

ALTRI:

quo vado
goya
ppz
zoolander 2
deadpool
gods of egypt
ave caesar
batman vs superman
risen
999
cpt. america civil war
xman: stocazzo
king arthur and the knights of ecc.
indipendence day 2
tarzano

QUI UNA LISTA DI TRAILER ASSORTITI (72)
da skippare fino al titolo gradito
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

il tubone::1745236
C'entra in qualche modo Michael Bay

Oh yeah,
Bay che caga dollaroni (esplode tutto) + Ninja Turtles in un cgi da paura + Megan Fox + Run DMC soundtrack = bonifico subitaneo in cassa Paramount.
[muffa::post]mi fa molto ridere che i procioni non abbiano nessun rispetto per lo spazio personale e la proprietà altrui.
dasimplex lo trovi in un 8pussy's garden ma non certo in the shade.

[fork()]

simplex::1745243
Bay


basta, ziofà, è peggio di Stiller che gira film solo per il potere della mafia giudaica

simplex::1745243
Ninja Turtles


roba da ritardati già 20 anni fa

simplex::1745243
cgi da paura


basta ziofà 2

simplex::1745243
Megan Fox


puttanone di legno

simplex::1745243
Run DMC soundtrack


zombies

= ti sei tracannato il cervello.
No safety or surprise, the end (Jim Morrison)

[fork()]

Ti faccio uno squillo quando esce si va all'UCI insieme
[muffa::post]mi fa molto ridere che i procioni non abbiano nessun rispetto per lo spazio personale e la proprietà altrui.
dasimplex lo trovi in un 8pussy's garden ma non certo in the shade.

[fork()]

simplex::1745243
Ninja Turtles in un cgi da paura
Sì infatti che spasso la cgi del primo film, non vedo l'ora di replicare.
simplex::1745243
Run DMC soundtrack
Tassa obbligatoria della nostalgija per voi tristoni trentenni (a questo punto meglio Bohemian Rhapsody per il trailer di Suicide Squad).

Svegliatemi per l'apokatastasis

[fork()]

gonzokampf::1745246
per voi tristoni trentenni


Per quanto mi riguarda quei negri hanno senso solo a causa di una vecchia cover incisa insieme agli Aerosmith.
No safety or surprise, the end (Jim Morrison)

[fork()]

gonzo, io non posso credere che tu abbia meno di trent'anni
 seduto sul bordo della vasca da bagno osservo piccoli animaletti, muovono le loro antenne tra capelli morti e peli di cazzo, sembrano provarci gusto. poi il loro vagare alla ricerca di non so che mi ricorda qualcosa di già visto qualcosa di ridicolo e deprimente. è a questo punto che tronco la loro esistenza con un getto d'acqua bollente. trascinati dalla corrente tornano in quello stesso buco da dove erano usciti temerari. sfidando l'ira di dio.

[fork()]

francesco::1745279
gonzo, io non posso credere che tu abbia meno di trent'anni
Anche io non mi capacito che il_tubone non sia un maturo quarantenne, eppure questa pare essere la realtà dei fatti.

Svegliatemi per l'apokatastasis

[fork()]

gonzo, parlaci delle tue aspettative su Batman Vs Superman
una cosa strana degli americani è che non stravedono per il genere mecha perché l'idea di un robo gigante pilotato da un umano gli sembra risibile mentre l'idea di un tizio vestito di calzamaglia e dotato di superpoteri che combatte il crimine gli sembra perfettamente legittima.

[fork()]

il tubone::1745244
gran puttanone di legno

scusa la pignoleria, però di base concordo.

[fork()]

per favore rispettiamo almeno le tartarughe ninja + se Megan Fox vi suona alla porta tempo che balbettate buongiorno tirate una sborrata involontaria sul vostro kindle paperwhite del cazzo
[muffa::post]mi fa molto ridere che i procioni non abbiano nessun rispetto per lo spazio personale e la proprietà altrui.
dasimplex lo trovi in un 8pussy's garden ma non certo in the shade.

[fork()]

si ma solo se ha i guanti e non si vedono i pollici. in caso contrario l'ejaculazione avverrà almeno in zona tinello.
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

simplex::1745298
vostro kindle paperwhite


Non ce l'ho.
Non riuscirei a capire quanto manca alla fine del libro (puppa, per piacere).
No safety or surprise, the end (Jim Morrison)

[fork()]

freakout::1745292
gonzo, parlaci delle tue aspettative su Batman Vs Superman
Cagata fumante che rappresenta il primo tassello marrone posto dalla WB nel tentativo di rincorrere il ciclo degli Avengers - Civil War con la Justice League (due film programmati nel 2017 e 2019). Soprattutto mi ha colpito, nei trailer, il male maggiore che costringe i nemici/amici all'alleanza, davvero l'epitome della cgi insignificante*.
Su Snyder sono neutro, nell'ambito dei cinecomics ha dalla sua Watchmen e 300 ma anche fallimenti da far tremare i polsi come The Spirit; credo comunque abbia mantenuto la stessa linea innocua del precedente episodio.

Potrei pensare di recuperarlo a molti mesi da adesso, in una domenica pomeriggio in preda all'hangover, qualora esca una versione senza i tagli imposti per non spaventare i bambini ciccioni (il Maranza).

* in effetti i trailer e soprattutto i teaser includono a volte anche versioni non completamente renderizzate.

Svegliatemi per l'apokatastasis

[fork()]

Spinti dalla lealtà verso il proprio condottiero, i compagni d’arme di Talon, guidati da Darius (JOE REGALBUTO), si uniscono ai rivoltosi ed assaltano il palazzo reale proprio la notte in cui Cromwell sta per sposare l’indomita Alana.

DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

Hardcore: nonostante molti punti ok (stunt ben realizzati, montaggio intelligente, innovativita' del mezzo, colonna sonora occheione, inumerevoli citazioni videoludiche da cogliere, ragionevole dose di WTF), purtroppo lascia molto poco alle spalle e fa meno ridere di crank. Lo sforzo e' apprezzato e apprezzabile, ma ecco conviene vederlo solo a 3 euro a scazzo il mercoledi'
Drop the bomb.Exterminate them all.

"Sei un caso disperato, a te se non ci sono forconi ed ebrei i discorsi non piacciono"

"Tempacci.Mi ricordo di quando scopare era sicuro e volare pericoloso"
"Giovinezza, bellezza, forza: i criteri dell'amore fisico sono esattamente gli stessi del nazismo. "
(M. Houellebecq)

[fork()]

Jack D. Ripper::1746336
a 3 euro a scazzo il mercoledi'
Count me in.

Svegliatemi per l'apokatastasis

[fork()]

Probabilmente è già passato da queste parti quindi non mi dilungo in una recensione. È presente su Netflix questo semi-documentario in cui Hitler arriva direttamente dal passato nel 2014 come come una catapulta. Il film si dirige cretinettinamente verso una fine seriosa facendo scappare qualche risatona presa in prestito da M4ssimo B0ldi e S4cha Barøn Coh3n.

Tutto sommato godibile perché è uno dei pochi film che riesce a mettere finalmente in buona luce il Führer mostrando chi è invece il vero mostro:


PS Aspetto ovviamente recensione da GonfioCamp.



C' una strega nel bosco \ il suo nome conosco aka la rece di The VVitch: A New-England Folktale [12 risposte]

Una caratteristica degli horror intelligenti è saper titillare la sospensione di incredulità dello spettatore, portandolo continuamente a chiedersi se gli avvenimenti mostrati accadono davvero o sono un parto delle menti malate dei protagonisti (un esempio recente).
Il gioco è ripreso con maestria in The Witch, dove i protagonisti sono una famiglia di coloni del New England, cacciati a pedate in culo dalla comunità in cui vivono per qualche controversia religiosa.
E in effetti il fervore della fede e la consapevolezza dell'Inferno per le misere anime dei peccatori domina le grigie giornate dei membri della famigliola, che cercano di sopravvivere in una micragnosa fattoria, attorno alla quale si estende un'ampia e misteriosa foresta.
La particolarità del film è quella di intervallare il racconto della famiglia con brevi ma determinanti scene a cui i protagonisti non assistono, e che si svolgono oltre la loro sfera di controllo.
In teoria quindi sapremmo rispondere con certezza alla domanda che di lì a poco inizia ad attanagliare i coloni, ossia se gli strani avvenimenti di cui sono vittime siano da ascrivere ad una dieta a base di mais ammuffito e digiuno religioso, oppure costituiscano effettivamente la manifestazione del Diabbolo.
Ma la maturità della narrazione, pur rispettando quasi tutti i canoni del genere (senza la spocchia di gente come), fa sì che il senso di quello che vediamo rimanga ambiguo e incerto, fino agli ultimi minuti.
Il finale, infatti, si è incerti se catalogarlo come plot twist che percula lo smaliziato spettatore del XXI sec., oppure inevitabile coronamento degli eventi.
I campi lunghi ci immergono in una ambientazione ricostruita con cura maniacale (si parla di quattro anni di ricerche sulle fonti dell'epoca) dove i personaggi, attori ben scelti e ancor meglio diretti, parlano seguendo la lingua e i costrutti sintattici dell'epoca.
Mentre l'accoglienza della critica è stata favorevole, quella del pubblico si è rivelata più fredda. Due le argomentazioni utilizzate dai detrattori: malgrado l'ambientazione pretenziosa, nel film sembra non accadere niente e, comunque, The Witch non fa paura.
Per quanto riguarda la prima accusa, la narrazione e il montaggio scandiscono le vicende con rigore, ma effettivamente il film si diverte a frustrare le aspettative dello spettatore, nel senso che rimaniamo smentiti ogniqualvolta siamo convinti di poter spiegare un determinato fenomeno. Quindi sì, effettivamente le cose succedono, solo che dovremo attendere il finale per una spiegazione completa.
In generale, credo che il film abbia diviso il pubblico perché, malgrado una confezione tradizionale, alla fine si trovi a deviare parecchio dalle regole-base della narrazione. I personaggi, ad eccezione della protagonista e forse del fratello maggiore, non ispirano simpatia, e soprattutto manca un confronto finale che il resto del film sembrava aver anticipato.
Il risultato è che Eggers non arriva quasi mai a far paura, ma sembra più interessato a ricercare l'Unheimliche, la sensazione di straniamento che si verifica quando cogliamo aspetti angosciosi in realtà che ci sono quotidiane e familiari, tipica di altre Folktale della tradizione romantica come L'Uomo della Sabbia.

Svegliatemi per l'apokatastasis

[fork()]

se è una delle cagate alla sciamalàn mi incazzo e tu sarai declassato a novello rachid dalla manica larga (si lo so anche io ho le mie colpe)
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

rodolfo::1746986
se è una delle cagate alla sciamalàn
No ecco, questo va escluso. Non posso scendere nei dettagli senza spoilerare, ma vai tranzollo.
rodolfo::1746986
novello rachid dalla manica larga
Occhio che a me è piaciuto, ma nel corso di una narrazione generalmente convincente ci sono comunque un sacco di robe che alla fine ti fanno dire "boh".

Svegliatemi per l'apokatastasis

[fork()]

ok
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

gonzokampf::1746950Il risultato è che Eggers non arriva quasi mai a far paura, ma sembra più interessato a ricercare l'Unheimliche

Come scotto ogni qualvota varca i sacri penetrali delle PA.
gonzokampf::1746950la sensazione di straniamento che si verifica quando cogliamo aspetti angosciosi in realtà che ci sono quotidiane e familiari, tipica di altre Folktale della tradizione romantica come L'Uomo della Sabbia.

La tua rece è davvero molto bella però dovresti evitare queste pompe a Wikipedia (tra l'altro siamo tra gente istruita).

[fork()]

vincibile::1747025
La tua rece è davvero molto bella però dovresti evitare queste pompe a Wikipedia (tra l'altro siamo tra gente istruita).
Le recensioni sono un servizio pubblico, quindi i bocchini a wiki mi vanno benone nell'ottica di renderle accessibili anche a chi ha frequentato le scuole basse.

Svegliatemi per l'apokatastasis

[interludio] metacinema del cagare ovvero willis
[fork()]

prima di fare opportune ricerche tramite l'internet vorrei sottoporvi senza mediazioni un problema che si è presentato al mio intelletto un paio di volte ultimamente ma con massimo disagio ieri sera, di fronte ad un'opera cinematografica che mi ha lasciato atterrito ma che, facendo altro, ho tentato di vedere fino alla fine. ho voluto toccare con mano i confini reali della bruttezza e dello sfacelo di una carriera, quella di bruce willis.

domanda: ma che cazzo gli è successo? siete al corrente di tracolli psico-esistenziali o del fatto che si sia giocato anche il culo a carte? siamo di fronte ad un emulo di cage ma ancor più male in arnese?
già gli spot vodafone, ove la nota star figura insieme a caratteristi da film di scorregge - gente che per lavorare (ma non li giudico) prenderebbe anche mille euro - insospettirebbero anche i più distratti; in tali capolavori del marketing l'imbarazzo sembra addirittura delocalizzarsi e forma una rete subilminale che unisce l'attore, la spalla e lo spettatore suo malgrado coinvolto.
ma tornando al cinema, è senz'altro vero che surrogates, un film oggettivamente brutto (in senso letterale), non facesse presagire nulla di buono già anni addietro; ma ragazzi, surrogates è cinema non solo dignitoso ma assolutamente onesto in confronto alle robe in cui ho avuto la sfortuna di incappare. mi riferisco a vice e a the prince (quello di ieri sera), due film che ora mi appaiono quasi complementari per genere, "scrittura" e regia. tuttavia devo mettervi subito in guardia, perché dopo tutto vi voglio bene: non guardate questa merda. questa roba non è nemmeno brutta in modo saturo, non vi farà ridere (o piangere); si tratta con ogni evidenza del lavoro di una manica di pezzenti (giustamente marginalizzati) che hanno cercato di riempire un minutaggio alla bell'e meglio avendo cura di destinare alle facce note (praticamente solo quella di willis) il minimo indispensabile. si tratta insomma del proverbiale pacco di mattoni. ora, dopo essermi alleggerito la coscienza, posso spendere qualche parola su queste due ciofeche.

quello di vice è un cagare più parossistico e frontale: quello di willis è praticamente un solo fetente cammeo spalmato su una storia senza capo ne coda che, per pura malafede, non soddisferà nemmeno in modo caricaturale le features del genere distopico barra androidi. infatti tutta la premessa sul resort per ricchi debosciati che possono abusare di replicanti per soddisfare i loro sogni più sfrenati (resort del quale willis, o meglio il suo occasionale faccione ceronato, è il tenutario) va immediatamente a farsi benedire, sostituita da una vicenda insulsa che riguarda unicamente una baldracca che opera nella struttura e un ridicolo poliziotto che non ama queste porcherie. inutile dire che gli attori sono dei poveracci mai visti prima. se vi sembro un po' drastico, sappiate che la ragazza è un androide, ma ciò non significa un cazzo se non che porta un braccialetto di identificazione. credetemi, aggiungere ovvi riferimenti a westworld, strange days ecc. sarebbe del tutto fuori luogo perché queste "citazioni" non sono che il frutto della confusione mentale degli autori.

quanto a the prince alcune caratteristiche annunciate del prodotto (un willis tragicamente più presente, l'improvvida apparizione di cusack, il genere "mafia") potrebbero trarre in inganno qualche ingenuo. chi invece si avventurasse nella visone, come ho fatto io, scoprirebbe che quest'opera (che manco è uscita al cinema) è decisamente all'altezza della prima ed è anzi connotata da un cagare ubiquo, sordo e fortemente depressivo. il protagonista è un attore che credo di aver già visto come autista in qualche serie o roba del genere, non voglio nemmeno saperne il nome. questo signore inespressivo e bollito, che oggi fa il meccanico, è il padre di una ragazza che va al college. un giorno ella non risponde al telefono cosicché, preoccupato, il poveretto va in città (new orleans) a cercarla. seguono una serie di eventi totalmente privi di senso (scazzottate, locali male allestiti dove si tira la cocaina, deferenza di alcuni) rivelatori di una scomoda verità: il meccanico è the prince, un gangster vecchia scuola che ventanni fa ha fatto esplodere (per sbaglio) moglie e figlia di omar, un inguardabile bruce willis che oggi governa la città. la verità è scomodissima soprattutto per lo spettatore, perché fino alla fine non ci si capaciterà della scelta di questo sfigato come protagonista, vero fil rouge di tutta la storia. la comparsa di cusack come ex-braccio destro del grande principe è grottesca (anche per come è ridotto l'attore, che meriterebbe un approfondimento a sé) la morte di willis è demenziale. unica nota di "merito", che però riesce a rendere il film ancora più trash, è la giovane accompagnatrice del nostro (al secolo jessica lowndes) che scopro essere un patanone terrificante ma questa è un'altra storia.
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai