recensioni :: [2] 53 film e vaffanculo al 2013

[maranza::post]sono andato a vedere "il capitale umano" e mi è piaciuto.

scordatevi TUTTI quello che è stato scritto sul film, e non date retta neanche alle recensioni dei critici, che evidentemente si mettono in testa di vedere un film, e non cambiano idea neanche davanti all'evidenza dello schermo.

tutta la polemica sul film anti-brianza e anti-lavoratori e anti-ricchi è completamente campata per aria, alla fin fine il ricchissimo "cattivo" è semplicemente un onesto uomo d'affari che fa il suo lavoro di uomo d'affari, facendosi effettivamente il culo quadro da mane a sera e senza rubare niente a nessuno.

secondo me la cagata de il capitale umano non è tanto che parla della brianza alla cazzo di cane (è da rincoglioniti dire che il film è brutto per questo), ma quanto che sia i personaggi voluti dal regista che gli attori che li interpretano sono delle macchiette che restituiscono un'immagine della vita very troppo caricaturale per crederla autentica.
e il susseguirsi delle scene è un moto di stereotipi e luoghi comuni da tagliarsi le vene.
virzì poteva salvarsi nel finale seguendo la trama originale del libro, ma NO, ha voluto fare di testa sua cadendo nell'ennesimo cliché.
non discuto sulla buona idea, sulle buone intenzioni e sulla ricercatezza delle soluzioni di regia puramente stilistiche, ma secondo me il film non funziona manco per il cazzo.
pretenzioso e vuoto quasi quanto la grande bellezza.
 seduto sul bordo della vasca da bagno osservo piccoli animaletti, muovono le loro antenne tra capelli morti e peli di cazzo, sembrano provarci gusto. poi il loro vagare alla ricerca di non so che mi ricorda qualcosa di già visto qualcosa di ridicolo e deprimente. è a questo punto che tronco la loro esistenza con un getto d'acqua bollente. trascinati dalla corrente tornano in quello stesso buco da dove erano usciti temerari. sfidando l'ira di dio.

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai