scienza bla-bla :: [1] [teh method] L'Educazione del Fanciullo alla manutenzione della Vespa

Esposizione di una metodologia scientifica e concettuale volta all’educazione del giovinetto alla Vita attraverso la scienza della manutenzione della Vespa.
Attenzione: Post lungo.

Come da titolo, così educo mio nipote di 13 anni.

Il fanciullo deve essere arruolato nell’età compresa tra i 12 ed i 14 anni; in quest’età, diciamo l’ultimo anno delle scuole medie, i fanciulli iniziano la maturazione fisica sessuale e contemporaneamente tendono a passare dall’infanzia all’adolescenza. Orbene, noi interverremo affinché il naturale stimolo latu sensu sessuale venga incanalato verso mete più nobili, valori aristocratici, fini patrizi, così che il giovinetto possa diventare un Uomo vero.

Innanzitutto il vestiario: si entra nel garage (che viene obbligatoriamente chiamato “Sala”) solamente indossando la tuta da lavoro, blu per me, celeste per il fanciullo; è stato necessario adattare una tuta normale all’altezza del pargolo ma ciò, insieme alla differenza di colore, è vòlto al rafforzamento del concetto di gruppo (entrambi indossiamo gli stessi abiti) e, allo stesso tempo, di differenza gerarchica (l’una più scura e più grande, l’altra più chiara e piccola). In questo modo il giovinetto apprende quei fondamentali concetti che permettono la vita in comune: ognuno fa parte dello stesso tutto, ma ciascuno con la propria posizione sociale.

Prima di entrare ci si puliscono le scarpe, si lavano le mani, si indossano i guanti: con questo rituale, richiamando le sacre abluzioni, si avvicina il fanciullo ai concetti di rispetto, sottomissione, ordine e disciplina nonché devozione per quello che andremo a fare; si lavora, si “opera”, puliti, in ordine (che è esteriore ma vuole esser anche interiore) e in tutte le operazioni si usano gli strumenti con i guanti appositi, ossia con la deferenza cultuale di chi si accinge a fare qualcosa di mistico.

Prima di lavorare sul serio, ho insegnato al fanciullo la tassonomia di tutti gli utensili da lavoro nonché la loro utilità e le varie peculiarità: il giovine impara così l’importanza di usare lo strumento apposito per ogni compito, familiarizza con il concetto di ordinamento e norma. Allo stesso modo, ho mostrato la disposizione degli strumenti nei vari spazi adibiti: la chiave di manovra a forchetta può essere singola, doppia, doppia diversificata, combinata ad anello (da preferirsi ove possibile), a T, a tubo, a pipa, a bussola, cricchetto, dinamometrica.

Ciascuna chiave, così come cacciaviti, bulloneria etc, deve essere sempre riposta dopo l’uso, anche se si sa di doverla usare nuovamente dopo pochi minuti: il fanciullo imparerà così l’importanza della corretta disposizione spaziale degli oggetti ricavandone l’immagine della giusta disposizione mentale dei concetti.

Durante il lavoro si osserva il silenzio: io solo posso parlare, solo lo stretto necessario, per illustrare e condurre le operazioni; il fanciullo può chiedere la parola ovviamente solo per porre domande sull’operato. Alla fine delle operazioni, scrupolosamente tutto deve essere rimesso in ordine come quando siamo entrati: chiavi e utensili nei pannelli, pavimento pulito, pulizia delle scarpe, lavaggio mani, tute riposte per bene.

Sempre durante il lavoro si ascoltano esclusivamente Byrds, Grateful Dead, Jefferson Airplane.
"Ma sfuggire realmente a Hegel presuppone che si valuti esattamente quanto costi staccarsi da lui; presuppone che si sappia sino a dove Hegel, insidiosamente forse, si sia accostato a noi; pressuppone che si sappia, in ciò che ci permette di pensare contro Hegel, quel che è ancora hegeliano; e di misurare in cosa il nostro ricorso contro di lui sia ancora, forse, un'astuzia ch'egli ci oppone e al termine della quale ci attende, immobile e altrove."

[fork()]

[GWFH::post]l’una più scura e più grande, l’altra più chiara e piccola

mi stupisco di te insinuare che a oxford siano più fighi che a cambridge
blackmaria
Where do bad folks go when they die? They don’t go to heaven where the angels fly, they go down to the lake of fire and fry. Won’t see them again till the fourth of july

[fork()]

non c'entrerà mica lo zen? adesso leggo.
popup
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
L'orzata in frigo è imperdonabile. (Squallido Master)
Scegliamo di mangiare una polenta abbrustolita, e la chiediamo senza alcun abbinamento. (Il Maestro)
[Fred::post]l'asphalto tutto = quella merda di rodolfo, che raccoglie i consensi dello 0.03% di asphalto (ovvero la sua utenza e basta

Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

[GWFH::post]
Ciascuna chiave, così come cacciaviti, bulloneria etc, deve essere sempre riposta dopo l’uso, anche se si sa di doverla usare nuovamente dopo pochi minuti
io dico no
[Askatasuna::post]l'involto di una drizza accanto al winch di dritta sulla tuga.
[maranza::post]ho errato

[fork()]

[Q.::post]
[GWFH::post]

Ciascuna chiave, così come cacciaviti, bulloneria etc, deve essere sempre riposta dopo l’uso, anche se si sa di doverla usare nuovamente dopo pochi minuti
io dico no

scusa ma l'unico commento che attendo è quello di rotflolfo che, tra l'altro, speravo fosse il tizio seduto al tavolo lo scorso sabato. Sono rimasto un po' deluso scoprendo che invece si trattava di
"Ma sfuggire realmente a Hegel presuppone che si valuti esattamente quanto costi staccarsi da lui; presuppone che si sappia sino a dove Hegel, insidiosamente forse, si sia accostato a noi; pressuppone che si sappia, in ciò che ci permette di pensare contro Hegel, quel che è ancora hegeliano; e di misurare in cosa il nostro ricorso contro di lui sia ancora, forse, un'astuzia ch'egli ci oppone e al termine della quale ci attende, immobile e altrove."

[fork()]

ma vai a cagare
[Askatasuna::post]l'involto di una drizza accanto al winch di dritta sulla tuga.
[maranza::post]ho errato

[fork()]

mio nonno è un genio della meccanica e lavora, a quasi ottant'anni suonati, nel caos più totale.

[fork()]

no davvero dopo leggo bene
popup
DVRITIAM CORDIS VESTRIS SAXA TRAERE MERVISTIS
L'orzata in frigo è imperdonabile. (Squallido Master)
Scegliamo di mangiare una polenta abbrustolita, e la chiediamo senza alcun abbinamento. (Il Maestro)
[Fred::post]l'asphalto tutto = quella merda di rodolfo, che raccoglie i consensi dello 0.03% di asphalto (ovvero la sua utenza e basta

Io sono solito stampare in formato A3 col plotter i post di rodolfo per poi arrotolarmeli attorno al corpo nudo e gettarmi nei letamai del circondario. (supermaz)

[fork()]

[Q.::post]
ma vai a cagare

scusami ho esagerezzato
"Ma sfuggire realmente a Hegel presuppone che si valuti esattamente quanto costi staccarsi da lui; presuppone che si sappia sino a dove Hegel, insidiosamente forse, si sia accostato a noi; pressuppone che si sappia, in ciò che ci permette di pensare contro Hegel, quel che è ancora hegeliano; e di misurare in cosa il nostro ricorso contro di lui sia ancora, forse, un'astuzia ch'egli ci oppone e al termine della quale ci attende, immobile e altrove."

[fork()]

[isterico a Metano::post]mio nonno è Q. e lavora, a quasi ottant'anni suonati, nel caos più totale.
"L'asphalto diverte perché ospita discussioni simili a quelle che potrebbero avere dei semianalfabeti con degli aborigeni sulla letteratura americana del novecento, e il divertimento è assicurato sia dalla lontananza abissale dalla verità che ne esce fuori, sia dal fatto che i semianalfabeti si sentano hemingway in confronto agli aborigeni"
il pomeriggio dell'esistenza

[fork()]

[isterico a Metano::post]mio nonno è un genio della meccanica e lavora, a quasi ottant'anni suonati, nel caos più totale.
questo è il punto. Vive nel caos proprio perchè è un genio, ma dall'ordine non è mai venuto fuori niente di originale o di fico.

LE COSE BISOGNA RESTARLE AL LORO PROPIO POSTO !!

[fork()]

cazzate a buccia

[fork()]

[sommo coniglio::post]dall'ordine non è mai venuto fuori niente di originale o di fico.

questa è una cazzata potentissima
chimico insonorizzante

[fork()]

[sommo coniglio::post]
[isterico a Metano::post]mio nonno è un genio della meccanica e lavora, a quasi ottant'anni suonati, nel caos più totale.

questo è il punto. Vive nel caos proprio perchè è un genio, ma dall'ordine non è mai venuto fuori niente di originale o di fico.



oh ma sei un vero anticonformista ! bella zio ti stimo troppo.
in questo messaggio ci sono 30 messaggi subliminali satanici, 15 piduisti, 29 nazionalsocialsovietici e un pancreas.

[fork()]

ma lo sapete che se come hobby o lavoro smontate cagate elettroniche o meccaniche varie è impossibile classificare e ordinare tutti i pezzi? e lo sapete quant'è bello girare in vecchi laboratori/garage di nonni/scantinati e comporre accrocchi prendendo spunto dal caos? è chiaro che in azienda l'ordine e l'efficienza sono d'obbligo ai fini del vantaggio competitivo, ma se andiamo a vedere i covi dove si annidano i reietti della R&D sono spesso uno schifo. Per non parlare del desktop di un programmatore. O del bagagliaio della Volvo Polar di mio padre.

LE COSE BISOGNA RESTARLE AL LORO PROPIO POSTO !!

[fork()]

[Q.::post]io dico no
io dico sì, ma faccio no. (sono stato educato alla manutenzeria nel modo descritto)
[antirombo::post]
questa è una cazzata potentissima
quoto.

[fork()]

[isterico a Metano::post]
mio nonno è un genio della meccanica e lavora, a quasi ottant'anni suonati, nel caos più totale.

lavora da solo, immagino.

[fork()]

ora sì, ma quando aveva l'officina c'era sempre uno stuolo di giovani che stavano lì per imparare da lui i trucchi del mestiere.

aneddoto: una volta stavo suonando con la band nel garage di casa e il batterista perse una vite, la vite che unisce il batacchio all'asta del pedale della grancassa. ebbene lui riuscì a crearne una nuova praticamente identica semplicemente guardando l'altra (si trattava infatti di una batteria con doppio pedale)

[fork()]

tuo nonno ha un tornio in garage?

LE COSE BISOGNA RESTARLE AL LORO PROPIO POSTO !!

[fork()]

[isterico a Metano::post]aneddoto: una volta stavo suonando con la band nel garage di casa e il batterista perse una vite, la vite che unisce il batacchio all'asta del pedale della grancassa. ebbene lui riuscì a crearne una nuova praticamente identica semplicemente guardando l'altra (si trattava infatti di una batteria con doppio pedale)
magari ho capito male, ma se si trattava di una vite standard basta sapere le dimensioni e avere gli utensili adatti, non è che ci voglia tanto
"L'asphalto diverte perché ospita discussioni simili a quelle che potrebbero avere dei semianalfabeti con degli aborigeni sulla letteratura americana del novecento, e il divertimento è assicurato sia dalla lontananza abissale dalla verità che ne esce fuori, sia dal fatto che i semianalfabeti si sentano hemingway in confronto agli aborigeni"
il pomeriggio dell'esistenza

[fork()]

infatti poi escludendo che l'abbia rifilettata, cosa abbastanza improbabile, al max ha tagliato o troncato una vite troppo lunga

LE COSE BISOGNA RESTARLE AL LORO PROPIO POSTO !!

[fork()]

[BaLoR::post]magari ho capito male, ma se si trattava di una vite standard basta sapere le dimensioni e avere gli utensili adatti, non è che ci voglia tanto
come rovinare la poesia con l'ingegneria.

[fork()]

beh certo, non ci vuole poi tanto, le viti non sono propriamente standard ma più o meno ed infatti l'ha fatta in 30 secondi, però per dire ha quasi ottant'anni

ecolo alle prese con il restauro del suo vecchio landini



che era fermo ed insabbiato da quasi quindici anni per trasformarlo così

[fork()]

[isterico a Metano::post]le viti non sono propriamente standard

Prima dell'adozione del sistema metrico, diverse aziende avevano progettato specifiche proprie per la filettatura. Il primo a progettare un filetto standard fu l'ingegnere inglese Joseph Whitworth intorno al 1841. Il sistema Whitworth, ancora oggi in uso, ha due passi, fine e grosso, e il filetto ha una angolazione di 55°. Questo sistema è utilizzato per i raccordi idraulici e pneumatici.
[isterico a Metano::post]ma complimenti!
che era fermo ed insabbiato da quasi quindici anni per trasformarlo così

[fork()]

[Louis::post]un filetto standard


mh si ma non parlavo della filettatura, era più che altro per la forma, ma dovremmo chiederlo al batterista maranza

[fork()]

[isterico a Metano::post]
mh si ma non parlavo della filettatura, era più che altro per la forma, ma dovremmo chiederlo al batterista maranza
diciamo che dubito si utilizzino viti non ISO CEN UNI CAL.

[fork()]

[Louis::post]
[BaLoR::post]magari ho capito male, ma se si trattava di una vite standard basta sapere le dimensioni e avere gli utensili adatti, non è che ci voglia tanto
come rovinare la poesia con l'ingegneria.

davvero, siete senza cuore.
Video meliora proboque, deteriora sequor

[fork()]

[Louis::post]diciamo che dubito si utilizzino viti non ISO CEN UNI CAL.


cazzo ne so, sono fatte così

[fork()]

[isterico a Metano::post]
beh certo, non ci vuole poi tanto, le viti non sono propriamente standard ma più o meno ed infatti l'ha fatta in 30 secondi, però per dire ha quasi ottant'anni



ecolo alle prese con il restauro del suo vecchio landini







che era fermo ed insabbiato da quasi quindici anni per trasformarlo così



ooooooooooh!
(cuoricini)
[Askatasuna::post]l'involto di una drizza accanto al winch di dritta sulla tuga.
[maranza::post]ho errato

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai