rido bla-bla :: La favola politicamente corretta per il XXI secolo

C'era una volta un bambino/a che viveva con il suo tutore legale in una casa di medie dimensioni, di proprietà ma gravata di ipoteca ventennale. Un giorno (ma avrebbe potuto essere una notte perché non è compito nostro giudicare i ritmi circadiani di chicchessia) il bambino/a si annoiava e domandò con educazione al proprio tutore legale se poteva invitare qualche amico. Subito i due si misero a tavolino a pianificare la lista delle telefonate da fare perché non era giusto fare preferenze tra i compagni di classe. Dopo un paio d'ore di pacate e costruttive discussioni nel quadro del civile rapporto tutore legale/minore sotto tutela e a valle del raggiungimento di un compromesso su alcuni punti, la lista si presentava come segue:
AMICI/CONOSCENTI/COMPAGNI DI CLASSE CHE SAREBBE BELLO SE VENISSERO DA ME OGGI POMERIGGIO MA SE NON POSSONO O NON CI HANNO VOGLIA NON CI RIMANGO MALE:
- n.1 compagno ricco ma simpatico
- n.1/2 compagni negri o negroidi con scarsa propensione alla lingua italiana
- la Gianna
- n.1 figlio/a di proletari, possibilmente malvestito/a
- n.1/2 compagne dalla risata sciocca appassionate di high school musical
- n.1 futuro assessore
- la Gianna
- n.1 bimba con le trecce bionde e il naso all'insù

- n.1 bullo delle case popolari
- n.1 diciassettenne con problemi di droga
- n.1 zingarello, se possibile con pidocchi
- la Gian
- la Gianna
Tosto il bambino/a iniziò a telefonare a tutti i personaggi in lista, premurandosi di cercare un sostituto per ogni figura che eventualmente venisse di volta in volta a mancare. Teneva per ultimo la Gianna, per la quale evidentemente provava un trasporto particolare che non sapremmo definire con esattezza ma che poteva essere di sincera amicizia, di prima cottarella, di trasporto amoroso o di mera natura sessuale, indipendentemente dal fatto che il nostro protagonista fosse un bambino o una bambina e quindi che - ma lungi da noi l'anatema del giudizio - tali sentimenti potessero covare un prodromo di omosessualità o eterosessualità, non necessariamente in quest'ordine.

Tuttavia purtroppo al termine del giro di telefonate organizzative al bambino/a mancavano ancora n.1 zingarello (anche senza pidocchi) e n.1 compagno ricco ma simpatico. Inoltre non aveva ancora trovato il coraggio di telefonare alla Gianna. Insomma, si erano fatte le sei (o qualunque ora possa essere ritenuta "tardi" in un quadro soggettivo di valori personali e per questo del tutto degni di rispetto) e la rosa degli invitati era tutt'altro che completa. Pertanto il bambino/a, dato che non poteva certo incontrare una così disomogenea accozzaglia di compagni, rifece il giro di telefonate al contrario per disdire l'appuntamento.

Preso dallo sconforto, decise di andare a pregare presso un luogo religioso, sia esso una chiesa, un tempio valdese o di qualunque altra confessione cristiana non cattolica, una moschea, una sinagoga, un tempio shintoista, buddista, induista, taoista, egizio o di qualunque altra religione passata, presente o futura, un feticcio, un altare, un cespuglio in fiamme, una foto di michael jackson, un distributore di benzina o qualunque altro luogo dove preghino gli atei (o i non atei), senza che questo elenco formulato in ordine sparso implichi una preferenza o un giudizio di merito sulle religioni o non religioni e sui loro luoghi o non luoghi di culto o sull'assenza tout court di un culto, e sulla presenza, in merito, di celebranti o officianti o preti preposti all'esercizio delle funzioni di intermediario tra il/la fedele o non fedele e la divinità o assenza di divinità. Giunto finalmente che fu in questo luogo, il bambino/a venne seduta stante inculato proprio da un facente funzioni del divino/a.

E vissero tutti/e felici e contenti, ma solo dopo aver estinto l'ipoteca.
[Askatasuna::post]l'involto di una drizza accanto al winch di dritta sulla tuga.
[maranza::post]ho errato

[fork()]

[Q.::post]Preso dallo sconforto, decise di andare a pregare presso un luogo religioso, sia esso una chiesa, un tempio valdese o di qualunque altra confessione cristiana non cattolica, una moschea, una sinagoga, un tempio shintoista, buddista, induista, taoista, egizio o di qualunque altra religione passata, presente o futura, un feticcio, un altare, un cespuglio in fiamme, una foto di michael jackson, un distributore di benzina o qualunque altro luogo dove preghino gli atei (o i non atei), senza che questo elenco formulato in ordine sparso implichi una preferenza o un giudizio di merito sulle religioni o non religioni e sui loro luoghi o non luoghi di culto o sull'assenza tout court di un culto, e sulla presenza, in merito, di celebranti o officianti o preti preposti all'esercizio delle funzioni di intermediario tra il/la fedele o non fedele e la divinità o assenza di divinità.
aha ahhaahah giogan
supermaz è l'uomo giusto per qualsiasi persona che abbia dei gusti raffinati ed un cuore grande. (muffa)

Fallen sword - MMORPG ultr4n3rd via browser - gilda: asphaltanza
Asphalto ChillEx

[fork()]

supermaz hai forkato tu? ma come ti permetti?
morrygeratezza.

[fork()]

Ma anche no. A me non ha provocato riso, e poi quella continua incertezza mi ha infastidito parecchio.

Non me ne volere Q, ma sai fare molto di meglio. Moddown virtuale.

[fork()]

A me ha fatto ridere, ma anche riflettere.




La vita è quella cosa che ti succede quando non riesci a dormire

[fork()]

un grande classico

“Definirsi di destra o di sinistra è uno dei modi che un uomo ha per autoproclamarsi imbecille” (Ortega y Gassett)

"Se gli uomini restassero incinti, potresti avere un aborto anche dal barbiere" (D. Luttazzi)

[fork()]

falco flamma con tua sorella
[Askatasuna::post]l'involto di una drizza accanto al winch di dritta sulla tuga.
[maranza::post]ho errato

[fork()]

Ok, ma non prendertela a male, ho messo pure il disclaimer!

[fork()]

vedo che e' gia' a 7. modup virtuale.
If it flies, floats, or fucks you're better off renting it.

[fork()]

[fernet::post]modup virtuale.

Poi, quando avete tempo, la spiegate anche a me?

[fork()]

Ci vorrebbe troppo.
tentato suicidio, milano 199xUN TALE (guardando la sua macchina bruciata): «Lei che ne dice?»
IO: «Secondo me ha preso fuoco.»

[fork()]

"Non c'è giudice e non c'è giustizia" (Talmud, Avodà Zarà, 25a)
ומוצא אני מר ממות את האשה אשר היא מצודים וחרמים לבה
(קוהלת, ז כו)

[fork()]

Ciao Rabbi
Sonny, forse è il caso di parlarne a qualcuno (non qui). Jack D.Ripper

[fork()]

[Q.::post]Preso dallo sconforto, decise di andare a pregare presso un luogo religioso,
1969, roger zelazny scrive il pessimo (a me non è piaciuto) creature della luce e delle tenebre. Al suo interno questa cosa, nota altrove come "preghiera agnostica", che mi pare non sfiguri in questo thread:
Ove mi sia possibile essere udito da qualsiasi cosa, che potrà o meno curarsi di ciò che dico, io chiedo, se importa, che tu venga perdonato delle cose che, avendole tu fatte, o omesso di fare, richiedano il perdono. Al contrario, se non lo richiedono, ed è invece necessario qualcos'altro per assicurarti ogni possibile beneficio cui tu sia eligibile dopo la distruzione del corpo, io domando che questa cosa, qualunque essa sia, ti venga concessa o tolta, a seconda dei casi, in modo da assicurarti l'assegnazione dei benefici suddetti. Chiedo questo in qualità di intermediario eletto tra te e ciò che potrebbe non essere te stesso, ma che potrebbe aver interesse nel favorirti affinchè tu riceva tutto ciò che è possibile ricevere, e che potrebbe essere, in qualche modo, influenzato da questa cerimonia. Amen.

[fork()]

lol molto bella
[Askatasuna::post]l'involto di una drizza accanto al winch di dritta sulla tuga.
[maranza::post]ho errato

asphalto FAQ
categorie Espandi/contrai